allo scopo Ronaldo e Guerreiro- Corriere.it

L’Ungheria, in una Puskas Arena – l’unico stadio che ammette il 100% del pubblico – sovraffollata, ferma il Portogallo campione d’Europa in carica sullo 0-0 fino all’84’. Poi Orban, unico omonimo del presidente del Paese, devia un tiro di Guerreiro nella propria porta e, due minuti dopo, commette fallo su Rafa Silva per il rigore che Cristiano Ronaldo – troppo nervoso – trasforma. E al 90′, finalmente su una bella azione di squadra, mette a segno la sua doppietta personale. Si chiude quindi con 0-3. Per la squadra di Marco Rossi l’avventura degli Europei è iniziata male.

Il Corriere ha creato uno speciale su Euro 2021 con partite, squadre, protagonisti e risultati in tempo reale: Potete trovare qui


Non per i tifosi: bisogna aggiungere 6.000 portoghesi ai 60.000 ungheresi. Un ritorno alla normalità dopo la pandemia di coronavirus in Ungheria dove si potevano vedere i fan vicini e senza mascherine. Per entrare allo stadio, oltre al biglietto, era necessario presentare ai tornelli un braccialetto Covid, ottenuto grazie al certificato di vaccinazione o all’esito negativo di un tampone effettuato nelle 72 ore prima dell’inizio della partita.

Articolo in aggiornamento

15 giugno 2021 (modificato 15 giugno 2021 | 20:32)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Europei, Italia-Austria, Mancini: "Sapevo che sarebbe stata dura, forse anche più dura della prossima"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *