americano condannato a 400 anni di carcere dopo più di 30 anni di rilascio per «mancanza di prove» |  All’estero

americano condannato a 400 anni di carcere dopo più di 30 anni di rilascio per «mancanza di prove» | All’estero

Un uomo della Florida che stava scontando una condanna a 400 anni per rapina a mano armata nel 1988 è stato rilasciato lunedì. È arrivato dopo che un giudice ha assolto Sidney Holmes, 57 anni, sulla base di nuove scoperte secondo cui il caso contro di lui era “gravemente viziato”.

Holmes, che aveva sempre sostenuto la sua innocenza, non riuscì a trattenere le lacrime dopo l’esame. “Non rinuncerei mai alla speranza”, ha detto ai giornalisti dopo il suo rilascio dalla prigione principale della contea di Broward a Fort Lauderdale. “Sapevo che questo giorno sarebbe arrivato prima o poi, e oggi è il giorno.”

Il 50enne è stato condannato nel 1988 perché è stato visto guidare una Oldsmobile Cutlass marrone degli anni ’70, che una delle vittime ha detto somigliava molto al veicolo che aveva parcheggiato dietro l’auto di suo fratello in un minimarket. Questo fratello ha dovuto abbandonare la macchina poco dopo sotto la minaccia delle armi. I ladri erano appena scesi dalla Oldsmobile mentre l’autista dell’ultimo mezzo per la fuga era rimasto seduto.

Le vittime del furto d’auto avevano descritto l’autista dell’auto in fuga – che secondo i pubblici ministeri era Holmes – come “relativamente piccolo e pesante”.

Precedenti condanne

La polizia si è subito rivolta a Holmes, che era stato condannato per il suo ruolo di autista in due rapine a mano armata nel 1984.

Secondo le vittime, il veicolo in fuga, ritenuto essere una Oldsmobile Cutlass, aveva un buco nel bagagliaio dove credevano si trovasse la serratura. Tuttavia, l’auto di Holmes aveva una serratura del bagagliaio.

READ  reagire, ammortizzare o prendere tempo? - Corriere.it

Holmes cadde immediatamente tra le braccia di sua madre dopo il suo rilascio.
Holmes cadde immediatamente tra le braccia di sua madre dopo il suo rilascio. © Fotocamera Uno

Processo di verifica

Holmes, che all’epoca aveva sei persone disposte a testimoniare che si trovava nella sua casa di famiglia nel sud della Florida al momento del furto d’auto per celebrare la festa del papà, ha contattato il procuratore distrettuale nel 2020 per riconsiderare il caso. orologio. Durante il processo di esame, si è scoperto che l’auto di Holmes aveva una serratura del bagagliaio e che l’uomo sulla cinquantina è alto 6 piedi e 8 pollici e non corrispondeva alla descrizione data di lui dalle vittime del furto Auto.

I valutatori del dossier, oltre all’unità di revisione, anche l’Ong Progetto di innocenza della Florida e anche un gruppo di revisione indipendente ha riscontrato difetti nel processo di identificazione dei testimoni. La vittima del furto d’auto, dopo aver esaminato un libro di 250 possibili sospetti, non ha identificato nessuno di loro né ha individuato Holmes durante una serie di sei foto.

Holmes vuole lasciarsi alle spalle questo caso il prima possibile. “Non posso avere alcun odio”, ha detto fuori dall’aula. “Devo solo andare avanti.”

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *