Ankara: dopo il divano-portale, i deputati chiedono la testa di Michel

Turchia, Erdogan riceve Ursula von der Leyen ma la lascia senza sedia

Bruxelles – Ora il sofagate finisce in Parlamento. Gli eurodeputati, ancora in pausa a Bruxelles dopo le vacanze di Pasqua, non se ne stanno a guardare e dal loro collegio elettorale organizzano il lavoro per le settimane a venire. Per la sessione plenaria di fine mese (26-29 aprile), i due maggiori gruppi, popolare (PPE) e socialdemocratici (S&D), chiedono che i presidenti della Commissione e del Consiglio europeo siano discussi nell’emiciclo di la missione ad Ankara, per fare un po ‘di luce e chiedere del capo di Charles Michel, reo di aver giocato al gioco del presidente turco.

La missione di Ursula von der Leyen e Charles Michel in Turchia “avrebbe dovuto essere un messaggio di fermezza e unità nel nostro approccio al presidente Erdogan”. Invece, lamenta il leader del PPE Mafred Weber, “purtroppo questo ha portato a divisioni, dal momento che l’Ue non ha potuto stare insieme quando necessario”. Da qui la richiesta di programmare il dibattito, che approva anche il centrosinistra. “Le relazioni UE-Turchia sono fondamentali, così come l’unità dell’UE e il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle donne”, insiste Iratxe Garcia Perez, capogruppo S&D, che desidera “chiarire” cosa è successo e cosa non ha funzionato in Turchia .

Divano-porta, Lorenzin lascia una sedia vuota nell’emiciclo: “Grave offesa per l’Ue”

Parte dai banchi dei socialdemocratici l’attacco frontale a Michel, liberale, sposato nello stesso gruppo (Renew) del partito del presidente francese Emmanuel Macron. Gli eurodeputati del PD Alessandra Moretti e Patrizia Toia chiedono alla loro capogruppo Perez di farsi promotore di una “iniziativa di censura nei confronti del premier Michel” per la sua “palese insufficienza”.

READ  Coronavirus, al via oggi in Brasile il vaccino cinese: lo stop dopo la morte per suicidio di un volontario. A New York, il coprifuoco inizia alle 22:00 per bar e palestre

Parlamento contro il Consiglio, popolare contro i liberali, macroniani contro non macroniani. Tuttavia, si scoprirà che il presidente turco ha già vinto. L’Unione europea è caduta in una trappola abilmente orchestrata, dopodiché litiga e si divide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *