ANTICYTHERA: Gli antichi greci costruirono il primo computer

ANTICYTHERA: Gli antichi greci costruirono il primo computer

Emozionato, ha detto di non aver trovato spugne, ma a 60 metri di profondità c’era un relitto pieno di statue.

Gli uomini si tuffarono di nuovo e tornarono indietro con il braccio di una statua di bronzo. Non appena la tempesta passò, si imbarcarono per Atene.

I tesori sono andati all’estero

All’inizio del XX secolo, la maggior parte dei tesori antichi si trovava nei musei fuori dalla Grecia. Gli archeologi stranieri hanno fatto quasi tutti gli scavi e hanno portato a casa i loro reperti.

Pertanto, i governanti greci hanno sottolineato l’importanza dell’antichità in nome dell’orgoglio nazionale. Così, quando i sommozzatori di spugne tornarono con un braccio di bronzo, le autorità di Atene furono molto interessate.

Il Ministero della Cultura ordinò immediatamente al capitano e al suo equipaggio di dissotterrare i tesori nei fondali marini di Antikythera.

De volgende tien maanden werd het ene na het andere waardevolle standbeeld uit het water gehaald. En toen ze bijna niets meer konden vinden haalden ze een vormeloze klomp metaal ter grootte van een schoenendoos naar boven. 

Terwijl onderzoekers zich op de beelden stortten, werd de klomp in een kist in de tuin van het nationaal archeologisch museum gelegd.

La scarpa nasconde gli ingranaggi

Mesi dopo, un impiegato del museo scoprì per caso che la massa ormai essiccata aveva delle macchie. Con cautela, raschiò via lo strato esterno di gesso e vide alcune iscrizioni arricciate.

Da un lato c’era un ingranaggio con circa 200 piccoli denti. Di lato c’era un secondo timpano un po’ più piccolo.

Gli scienziati hanno esaminato le parti e hanno concluso che doveva essere un dispositivo da pranzo vecchio stile. Ma per il resto, non avevano idea di come funzionasse la cosa.

Pericle Rediadis ha tentato per la prima volta di interpretare i segni nel 1910. Si è specializzato in monete antiche in tesi e credeva che indicassero che l’oggetto era uno strumento per misurare la posizione delle stelle. Sarebbe un elemento di navigazione.

La strana pepita iniziò anche ad attirare l’attenzione internazionale e il tedesco Albert Rehm fu il prossimo a risolvere l’enigma.

Ha trovato la parola “panchem”, il nome di un mese nell’antica Grecia, quindi gli ingranaggi devono essere un residuo di uno strumento che indicava la posizione dei pianeti nell’anno, pensò.

Rediadis ha protestato con veemenza ei due ricercatori hanno discusso mentre altri scienziati a volte offrivano nuove teorie.

Nel 1953, il fisico e storico della scienza britannico Derek de Solla Price ottenne il permesso di esaminare l’oggetto. Era sicuro che la soluzione risiedesse nel numero di denti degli ingranaggi e nella loro posizione l’uno rispetto all’altro. Secondo lui, il meccanismo all’interno dello zoccolo era più di un semplice dispositivo di misurazione.

Il meccanismo “era così spettacolare da poter essere paragonato alla scoperta di parti di un motore a combustione interna all’apertura della tomba di Tutankhamon”, scrisse nel 1957.

Brit ha scoperto un meccanismo funzionante

Price sapeva che gli antichi greci conoscevano ingranaggi e calcolatrici. Ad esempio, l’astronomo e inventore Archimede lavorava già nel III secolo a.C. con ingranaggi, ma i suoi costrutti avevano una o due funzioni computazionali.

Il Meccanismo di Antikythera, come veniva ora chiamata la scatola di metallo, sembrava molto più avanzato. Tuttavia, il fisico britannico non ha potuto dimostrare la sua teoria semplicemente osservando l’esterno del meccanismo.

Nel 1971, Price e un fisico greco presero centinaia di immagini ai raggi X e ai raggi gamma dell’interno del meccanismo. C’erano chiaramente molti ingranaggi da vedere. Grazie a queste foto è riuscito a ricreare il meccanismo di Antikythera.

Price ha scoperto che c’erano almeno 30 ingranaggi in maglia. Pertanto, la sua conclusione doveva essere che il meccanismo non era semplicemente un dispositivo di misurazione, come avevano ipotizzato fino ad allora gli scienziati.

Poteva calcolare la posizione di vari oggetti celesti in una data data, e molto altro che Price non capì immediatamente.

La nave affondò 2100 anni fa

Molti altri hanno cercato dopo Price, ma i misteri del Meccanismo di Antikythera devono ancora essere completamente risolti. Parti sono andate perdute sott’acqua – alcuni credono che ci possano essere state ben 72 marce – quindi tutte le funzioni probabilmente non diventeranno mai evidenti.

Gli attuali scienziati possono chiarire altre parti del mistero di Antikythera. L’esame del legno del relitto mostra che la nave fu costruita tra il 100 e il 50 a.C. è affondato. Ciò è supportato dal ritrovamento di anfore e ceramiche vicino al relitto.

ILLUSTRAZIONE: Ecco come funziona il Meccanismo di Antikythera

Gli storici credono anche di sapere dove è stato realizzato il dispositivo. Quando la nave affondò, i grandi centri scientifici di Alessandria e Pergamo erano caduti in rovina, e le registrazioni non fanno menzione di grandi scienziati che avrebbero potuto realizzare un meccanismo così ingegnoso.

Gli storici sospettano quindi che la nave, data la posizione del relitto, provenisse da Rodi. Astronomi famosi come Ipparco e Geminus vivevano nella prospera Rodi.

Una teoria è che uno dei loro studenti abbia costruito il Meccanismo di Antikythera. Un buon candidato è il filosofo Posidonio, la cui accademia era un importante centro per l’astronomia e l’ingegneria meccanica.

Mentre gli storici sono ancora alla ricerca di molte risposte, sanno che il Meccanismo di Antikythera è un’impresa ingegneristica unica.

Secondo alcuni, il dispositivo è così avanzato che gli ingegneri europei sono stati in grado di realizzare tali macchine solo nel XVIII secolo. E questo getta nuova luce sugli antichi greci.

Il loro mondo era più vasto della filosofia e delle belle arti: erano anche i loro tecnici.

READ  L'asteroide volerà "vicino" alla Terra stanotte, poco pericoloso per i satelliti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *