Assalto al Congresso USA, decine di arresti. Nyt: Trump pensa di concedersi la grazia

Busto del presidente degli Stati Uniti vandalizzato durante l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti

Trump non deve solo concedere la vittoria al suo rivale come si rifiuta di fare dal 4 novembre, ma deve rispondere all’incitamento all’odio e alle rivolte che ne sono seguite, avendo definito la certificazione della vittoria di Joe Biden al Congresso come “uno dei giorni più bui nella storia del Paese”.

Dopo il caos che ha sconvolto l’America e il mondo, The Donald ha promesso una transizione pacifica, pur ribadendo le sue affermazioni di frode e avvertendo che “questa è la fine del più grande mandato presidenziale della storia, ma questo è solo l’inizio. della nostra lotta per rendere di nuovo grande l’America ”. Ma le sue assicurazioni non bastano.

Come cacciarlo dalla Casa Bianca: due modi

Tra i dem, ma anche tra più repubblicani, cresce la richiesta di mettere sotto accusa il presidente prima del 20 gennaio per fargli pagare il prezzo di quello che è apparso come una sorta di colpo di stato in tutto il pianeta. . Più di trenta parlamentari sono per un secondo atto d’accusa, dopo quello dell’Ucraina. Le accuse sono già state redatte dal parlamentare Ilham Omar e sono pronte per essere presentate, ha annunciato la giovane star del partito, l’appassionata Alexandria Ocasio-Cortez. Ma due settimane non sarebbero sufficienti per un simile processo.

La polizia ristabilisce le barriere per proteggere il Campidoglio

Un’alternativa più semplice e veloce, sostenuta da altri parlamentari, tra cui il leader del senato Chuck Schumer e il presidente della Camera Nancy Pelosi, è il 25 ° emendamento alla Costituzione, in base al quale il vicepresidente può assumere i poteri del Comandante in capo come agente in caso di morte, dimissioni o manifesta incapacità fisica o psicologica del Presidente. Quest’ultimo sarebbe il caso di Trump. Ma serve l’accordo del vicepresidente e della maggioranza del governo. Se il presidente poi si oppone al suo licenziamento, la decisione spetta alla Camera (nelle mani del dem), che deve approvare la decisione con i due terzi dei voti. Tuttavia, una camera in cui la maggioranza del Partito Repubblicano ha sostenuto le richieste di Trump di contestare i voti di alcuni stati, conformandosi alle sue accuse di elezioni fraudolente. L’ipotesi è ancora all’esame di molti membri dell’amministrazione e del Congresso. “È un’emergenza, quest’uomo è pericoloso. Non può restare “, ha insistito Pelosi.

READ  Il processo contro il terrorismo contro l'uomo che ha ispirato il film "Hotel Rwanda" è iniziato

Tuttavia, sembra che Biden sia molto cauto, forse per paura di esacerbare le tensioni e le divisioni in un paese che vuole pacificare e riunire come obiettivo principale della sua presidenza. Nel frattempo, Trump ne sta ancora pagando il peso e ha visto le spalle voltate da alleati come Mike Pence, Mike Pompeo e altri grandi ragazzi di un partito che ora dovrà ricostruirsi da solo. Si prevede anche un’ondata di dimissioni nell’amministrazione. Il primo ministro a partire è stato Transport, Elaine Chao, moglie del leader del senatore repubblicano Mitch McConnell. Il vice consigliere per la sicurezza nazionale Matt Pottinger, la vice portavoce della Casa Bianca Sarah Matthews, la portavoce della first lady Stephanie Grisham e l’inviato speciale per l’Irlanda del Nord ed ex capo di Stato Anche il maggiore Mick Mulvaney se n’è andato. Il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien e Chris Liddell, assistente del presidente e vice capo di stato maggiore, ci riflettono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *