AstraZeneca, la professoressa tedesca che studia la trombosi: “Usare mezza dose di vaccino può essere una soluzione. Devi sperimentarla”

Usa mezza dose di Vaccino AstraZeneca può essere una soluzione per evitare i rari casi di grave trombosi cerebrale si è verificato dopo la somministrazione del composto vettore virale sviluppato dalla società anglo-svedese. La proposta avanzata dall’immunologo Mauro minelli, responsabile per il sud della Fondazione Italiana di Medicina Personalizzata, è sostenuto anche dal Prof. Andreas Greinacher, Professore di Immunologia presso l’Università tedesca di Greifswald, che, insieme al suo team di ricercatori, ha concluso che le reazioni avverse al vaccino sono attivati ​​da a reazione immunitaria, a sua volta molto raro, che attiva gli anticorpi e quindi innesca la trombosi.

“Più di studi di fase III chi ha ricevuto mezza dose del vaccino Vaxzevria non ha generato livelli di anticorpi immunizzanti inferiori “rispetto a coloro che hanno ricevuto la dose piena, ha spiegato il professor Greinacher in una conferenza stampa internazionale, durante la quale ilfattoquotidiano.it partecipato. Allo stesso tempo, gli effetti collaterali “erano più deboli”. Per questo, dice lo scienziato tedesco, “dobbiamo valutare questa soluzione e studiarla. Questa è solo una supposizione – ha aggiunto – ma potrebbe aiutare ridurre effetti avversi e comunque raggiungere l’obiettivo di sviluppare anticorpi ”contro Covid. Greinacher lo ha quindi confermato dopo essersi consultato alle autorità sanitarie e agli esperti di vaccinazione per chiedere di testare questa semplice soluzione: ridurre della metà la dose di Vaxzevria.

Immunologo Minelli pressoSalute Adnkronos ha spiegato: “C’è chi ha ipotizzato che a fronte di dosi inferiori del vaccino si attivino le risposte immunologiche. più contenuto e, quindi, incapace di evocare reazioni infiammatorie significative che potrebbe portare alla produzione di anticorpi fattore antipiastrinico 4, a sua volta in grado di innescare la reazione trombotica. “Scienziati tedeschi dell’Università di Greifswald, con uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Il New England Journal of Medicine, ha concluso che la somministrazione del vaccino AstraZeneca innesca una reazione molto simile a a trombocitopenia indotta da eparina (HIT) di tipo 2, in cui si formano anticorpi contro il complesso piastrinico fattore 4 (PF4) -eparina. “Collateralmente – ha proseguito Minelli – il basso grado di infiammazione immuno-indotta a causa di una dose di vaccino meno aggressiva sembra aver contribuito a generare livelli di anticorpi immunitari. un po ‘più in alto rispetto a quelli prodotti dopo la vaccinazione a dose piena di AstraZeneca. Quindi, se questa è la prova che potrebbe essere confermata da valutazioni osservazionali più in generale, perché – ha proposto l’immunologo – non verificarne la fattibilità sul campo facendo di necessità virtù? “.

READ  il virus arriva sul tetto del mondo - Corriere.it

Durante la conferenza stampa, Greinacher ha ricordato che la grave trombosi cerebrale dopo la vaccinazione è “un fenomeno che si sviluppa in pochissime persone“Rispetto ai milioni di amministrazioni. Anche per questo”, al momento, non è possibile fornire O impedire Trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino (VITT) ”. Così come “per il momento, non sappiamo perché il meccanismo si sia attivato in alcuni individui e in altri no. Al momento non è possibile farlo previsioni», Ha specificato il professore tedesco. L’unica certezza è che “i casi finora sono stati segnalati nei giovani”, ma Greinacher non ha voluto dire troppo sulla possibilità di sviluppare una reazione dopo la seconda dose. Il vaccino di Johnson & Johnson sarà anche testato per quattro casi di trombosi segnalati negli Stati Uniti, ma finora all’Università di Greifswald “non abbiamo trovato un paziente VITT vaccinato con nessun altro vaccino” diverso da AstraZeneca. “Abbiamo letto informazioni su Johnson & Johnson, ma non abbiamo esperienza diretta”, ha affermato Greinacher.

Chi invece ha voluto ribadire il bisogno di riconoscere per una possibile trombocitopenia immunitaria tempestiva indotta dal vaccino AstraZeneca, utilizzando a test screening che rileva la presenza di anticorpi contro il fattore piastrinico 4. “Al momento non è possibile prevedere o prevenire questo meccanismo prima della vaccinazione. Non possiamo quindi aspettare fino al sintomi critici quindi eseguire il test “, ha spiegato Greinacher. IL sintomi effetti collaterali indesiderati includono vertigini, mal di testa, disturbi visivi, nausea, mancanza di respiro, dolore acuto al petto, addome o gambe: si verificano almeno cinque giorni dopo vaccinazione.

READ  dopo più di sessant'anni finisce l'era Castro-Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *