Bayern, Borussia Dortmund e Super League: perché dicono no? – Corriere.it

Rudi Voelling, indimenticabile realizzatore del campione del mondo di Germania a Italia 90 e della Roma, ora direttore esecutivo del Bayer Leverkusen e non usa mezzi termini contro la Super League: un crimine contro il calcio. Il fatto che Bayern Monaco e Borussia Dortmund non partecipino dimostra che hanno una spina dorsale. Quindi la Germania è l’ultimo vero baluardo del calcio popolare? Lo possono testimoniare i tanti tifosi, tra cui gli italiani, che negli ultimi anni – ovviamente prima della pandemia – frequentano gli stadi della Bundesliga: i club pensano al turnover, come dovrebbe essere, ma non dimenticano mai la passione della base, ad esempio mantenendo prezzi accessibili per le partite. Una forma di rispetto e attenzione da parte dei fan che viene premiata in termini di affari e lealtà antiquati.

Per ricordare l’unicità del calcio in Germania, per status, Dal 1998, esiste una regola del 50% più 1 che garantisce ai membri del club il controllo., attraverso l’elezione diretta del consiglio: anche se lo volessero, Bayern e Borussia devono quindi fare i conti con la composizione interna dei rispettivi club.. E, se da un lato ci sono elementi e sponsor favorevoli alla Super League anche in Bundesliga, i big sanno che la maggioranza dei tifosi tedeschi è contraria al calcio moderno: questo non impedisce al Bayern di avere Qatar Airways come sponsor. il francese per intero. -back Lucas Hernandez.80 milioni per l’Atletico Madrid, ma di certo sconsiglia di scappare davanti agli dei club che, tra l’altro, non sono indebitati a differenza di molti soci fondatori della nuova organizzazione. E sono virtuosi anche dal punto di vista gestionale.

READ  F1 | La Mercedes si spegne con il motore - Federico Albano

Nasce Superlega: cosa devi sapere

Solo il Lipsia fortemente contestata dalla Red Bull, avversato non a caso da altri tifosi sin dai primi giorni della sua ascesa nel grande calcio tedesco, poteva tecnicamente affrontare la Superliga senza pensare a troppi ostacoli: dopotutto, diventare un membro del Bayern costa meno di 100 euro, dieci volte meno dei membri di Lipsia. Le due squadre che non seguono la regola del 50 + 1 sono Wolfsburg e Bayer Leverkusen, diramazioni dirette delle società che le controllano. Ma a giudicare dalle parole di Voeller, uomo forte dell’Aspirin, le idee di questi club sulla Super League sono anche molto chiare.

19 aprile 2021 (modificato il 19 aprile 2021 | 15:45)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *