Blizzard avverte di lunghi tempi di attesa per l’open beta di Diablo IV questo fine settimana – Gaming – Notizie

E quante persone hanno potuto giocare senza problemi? Ora stai ancora sostenendo il punto che sto sottolineando, dove i lanci “in passato” spesso avevano un’intera regione o un cluster di server inattivi, questi problemi ora sono spesso molto più limitati, quindi i lanci di solito vengono eseguiti molto più facilmente di anni fa. Ciò non li rende privi di problemi, ma sono gestiti molto meglio di quanto non fossero anni fa.

Gioco nella stessa gilda con il mio principale da anni, quindi non c’è differenza. Il fatto che Blizzard non stia facendo nulla al riguardo mi sembra un po’ debole, sono i giocatori stessi che in alcuni casi hanno realizzato “mega server” e Blizzard ha offerto trasferimenti gratuiti abbastanza spesso in passato per stare alla larga da questo tipo dei server. Ma nessuno vuole essere il primo ad andarsene, ed è così che la base di giocatori continua e continuano ad attrarre ancora più persone su questi server. Sono d’accordo con l’argomentazione secondo cui Blizzard avrebbe potuto fare qualcosa al riguardo in passato, ma è anche ancora difficile, dopo tutto, non vuoi bloccare i server per impedire alle persone di giocare con i loro amici. Qualunque cosa tu faccia essendo Blizzard non andrà mai bene.

Ora puoi vedere accadere di nuovo la stessa cosa in un classico, alcuni giocatori vogliono solo giocare su un server il più pieno possibile e poi spesso vanno durante i periodi più tranquilli in termini di contenuto, ma non appena viene rilasciata una patch tutti i giocatori sono “sorpreso di fronte a Pikachu” e inizia a lamentarsi che ci sono code. Non è un problema che Blizzard può risolvere senza che la base di giocatori collabori attivamente. E quella cooperazione avviene troppo poco.

READ  EvdWL su PS5 Pro, Counter-Strike 2 e lo strano Unreal Engine 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *