Brasile, ribaltate tutte le condanne di Lula: l’ex presidente eleggibile alle elezioni presidenziali del 2022. La decisione della Corte Suprema

Luiz Inacio Lula da Silva ritorno idoneo per presidenziale nel Brasile dal 2022. A giudice del Corte Suprema in effetti questo ha annullato tutto condanne inflitto all’ex presidente dal pool dei magistrati di Curitiba che tiene le indagini Autolavaggio, il Tangentopoli Brasiliano. “Con questa decisione, tutte le condanne emesse dalla Sezione Federale 13 / a di Curitiba sono state dichiarate nulle e i documenti saranno inoltrati al Tribunale Distrettuale Federale”, si legge in una nota della Corte Suprema.

La decisione è stata presa dal presidente della Corte suprema Edson Fachin e non dovrà essere ratificato in sessione plenaria. È probabile che il procuratore federale di Curitiba farà appello. Lula, 75 anni, l’ha sempre detto innocente e vittima di a persecuzione politica dal pool investigativo di Lava Jato e dell’ex giudice Sergio Moro che, dopo aver condannato l’ex presidente operaio, è diventato ministro della giustizia nel governo di Jair Bolsonaro. Il 9 febbraio, la Corte Suprema ha concesso alla difesa di Lula l’accesso ai messaggi tra i pubblici ministeri di Curitiba e Moro. Messaggi apparsi nel 2019 durante l’operazione Furto d’identità, l’indagine sull’hacking di telefoni e account di posta elettronica Telegramma dell’ex giudice Moro, del pubblico ministero Deltan Dallagnol e altri membri del gruppo del pubblico ministero che indaga su Lula.

Anche oggi è uscito un sondaggio pubblicato dal quotidiano Stato di San Paolo che l’ex capo di stato otterrebbe il 50 per cento delle preferenze se si presentasse alle elezioni previste per ottobre 2022. Secondo il sondaggio, il 44 per cento ha dichiarato che non sceglierebbe affatto il leader del partito. Al contrario, nel sondaggio, l’attuale presidente Jair Bolsonaro, ha ricevuto solo il 38% delle preferenze di voto, mentre il 56% si è opposto alla sua candidatura.

READ  Cos'è lo spionaggio contro la Merkel?

Anche oggi Lula ha rilasciato un’intervista a Paese dichiarando che Bolsonaro non vincerà le prossime elezioni e che le perderà a favore di un candidato progressista. “Bolsonaro perderà le elezioni e la vittoria andrà a un progressista, spero che sia del PT”, ha detto Lula. Lula ha poi confrontato l’attuale scenario brasiliano con quanto accaduto nel stati Uniti, quando è stato eletto Donald Trump. “Voglio che l’azienda non voti mai per un Risorsa o per un troglodita come Bolsonaro», Ha sottolineato l’ex presidente-operaio. Indipendentemente dalla sua possibile candidatura, Lula si è reso disponibile per aiutare il suo partito in vista della campagna elettorale del 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *