Caos Napoli, Gattuso minaccia addio: fondo

Quasi un anno fa c’è stato l’ammutinamento dei giocatori del Napoli, contrari all’idea di doversi ritirare. Il gol all’epoca era De Laurentiis, anche se alla fine l’unico a pagare fu Ancelotti. Adesso la storia si ripete ma gli azzurri non ce l’hanno con il presidente ma con il tecnico. Le ore immediatamente successive alla sconfitta contro il Milan al San Paolo, la terza consecutiva in casa, sono state difficili. Il tempismo è delicato, ma sono state le parole di Gattuso a far infuriare la squadra.

L’esplosione di Gattuso non è piaciuta alla squadra

Alla fine della partita, il tecnico della televisione th nelle interviste si è preso la sua parte di colpa, come ha sempre fatto (anche se in modo nauseante) dai tempi di Milano ripetendo il suo mantra preferito (“è colpa mia, sono responsabile”) ma dopo aver inserito il solito record, ha iniziato ad attaccare i suoi, chiamandoli “professorini” e accusandoli di non avere la giusta mentalità.

Parole pesanti volano negli spogliatoi

Con chi ce l’aveva Gattuso? L’allenatore del Napoli è rimasto particolarmente deluso dai big, da Mertens a Distintivo fino a Fabian Ruiz, ma quelle parole in televisione non sono piaciute a nessuno. La squadra voleva una resa dei conti negli spogliatoi e le parolacce volarono: “Non puoi farci sembrare qualcuno che non si impegna. Possiamo sbagliare, proprio come te, ma sempre facendo del nostro meglio. Non recitiamo il ruolo di chi non si impegna ”.

Rivolta dei calciatori contro Gattuso

Tutti sono rimasti un po ‘delusi dall’esplosione di Gattuso e Mario Rui è stato tra i più determinati ad affrontare il tecnico. Maksimovic, Koulibaly. A nessuno piaceva la “brutta figura” del pubblico, ma la replica di Gattuso è arrivata alle accuse dei giocatori.

READ  FCIN1908 / L'Inter vola da Eriksen: Volpi e Marotta in Danimarca, in attesa di uscita

Gattuso minaccia di dimettersi

Il tecnico, che tra l’altro non ha ancora raggiunto un accordo per rinnovare il Contrarre, non ha accettato l’atteggiamento dei giocatori e temeva anche l’addio. Queste sono più o meno le sue parole: “Se non mi segui, andrò”.

La tregua a Castelvolturno

Ieri un nuovo confronto Castelvolturno: la notte ha portato consigli e faccia a faccia in camera i toni sono stati attenuati.

Una sorta di tregua visto il tour de force che attende il Napoli ma intanto si pensa al ritiro prima delle due gare con Rijeka e Roma.

SPORT 24-11-2020 08:41

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *