Carenza di piccole banconote in Kenya da parte di politici corrotti

Carenza di piccole banconote in Kenya da parte di politici corrotti

La valuta keniota viene cambiata durante una campagna di riciclaggio della plastica.  Statua James Wakibia/Getty

La valuta keniota viene cambiata durante una campagna di riciclaggio della plastica.Statua James Wakibia/Getty

Tra meno di due settimane il Kenya andrà alle urne per eleggere, tra l’altro, un nuovo presidente. Da mesi è in corso una feroce campagna nel Paese dell’Africa orientale. In molti luoghi, le persone ricevono piccole somme di denaro o altri doni quando partecipano a una manifestazione elettorale.

“Le persone che vanno in giro con sacchi di denaro fanno la fila ai cittadini e danno loro 200 scellini kenioti a persona”, ha detto mercoledì Fred Okengo Matiang’i, ministro degli esteri del Kenya, in una conferenza stampa. “Poiché i politici stanno corrompendo i cittadini, le banche stanno finendo le banconote da 100 e 200 scellini”. Cento scellini kenioti sono circa ottanta centesimi di euro.

Il ministro critica sia i politici che distribuiscono i soldi sia i keniani che prendono i soldi. “Le persone non lavorano”, dice. “Sono sulla strada per ottenere 200 scellini da tutti questi riciclatori di denaro.” Se i politici stanno già vincolando gli elettori corrompendoli, è probabile che saccheggino fondi pubblici se eletti, ha detto Matiang’i. Il ministro non ha specificato quali politici hanno distribuito denaro alle manifestazioni elettorali.

criminalità

La corruzione degli elettori è un reato elettorale in Kenya, punibile con una multa fino a 2 milioni di scellini (circa 16.500 euro) o sei anni di reclusione. Ma la corruzione è un problema persistente nel Paese: lo scorso anno il Kenya era ancora 128° su 180 della lista internazionale indice di corruzione organismo di vigilanza sulla corruzione Transparency International (maggiore è il numero nell’elenco, maggiore è la corruzione).

Oltre alle elezioni presidenziali, il 9 agosto verranno eletti anche i leader locali e regionali. Mercoledì, la Commissione anticorruzione del Kenya ha raccomandato la squalifica di 241 candidati corrotti. Tuttavia, il consiglio elettorale del Kenya ha escluso solo cinque politici dalle elezioni. Finché c’è ancora un processo di appello contro i candidati, possono candidarsi alle elezioni, hanno detto.

I principali candidati alla presidenza del Kenya, l’attuale vicepresidente William Ruto e il leader dell’opposizione Raila Odinga, si sono entrambi impegnati a combattere la corruzione se eletti il ​​9 agosto.

READ  Il giudice degli Stati Uniti libera ORA l'uomo condannato all'ergastolo nel caso di "omicidio di podcast".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *