“Consegnato per una futura sepoltura”

Una storia sull’orlo di un racconto distopico arriva dall’Ucraina.

Nella piccola città di Novyj Buh (circa 15.000 anime) situata nella regione meridionale di Mykolaiv, una donna è stata costretta a raccogliere le gambe amputate del marito e portarle con sé dopo l’operazione dell’uomo.

La donna lo fece, solo per svenire più tardi mentre trasportava gli arti amputati del marito in una borsa: la sensazione delle sue gambe ancora calde contro la schiena fece ammalare la donna.

Il caso ha suscitato indignazione nel paese ex sovietico, con la carenza di fondi ospedalieri pubblici presi di mira dalla popolazione.

Secondo i rapporti, I medici dell’ospedale avrebbero ordinato alla moglie di portare via gli arti amputati al marito, sostenendo che non avevano le strutture necessarie per smaltire i “rifiuti sanitari”.

La testimonianza di un’amica della donna è drammatica: “Le gambe del marito sono state amputate. Le è stato detto in ospedale di venire la mattina, rimanere lì fino alla fine dell’operazione e poi prendere le gambe. Ha messo questa borsa con le gambe sulle spalle. È uscita dall’ospedale ed è svenuta perché sentiva il calore nelle zampe posteriori ”.

Secondo il direttore dell’ospedale dove è avvenuto il delitto, gli arti amputati sarebbero stati consegnati alla donna come di consueto, in preparazione ad una possibile futura sepoltura del genitore (con le gambe sepolte con il corpo).

Spiegando il motivo dell’assenza di un “centro di raccolta differenziata”, il regista ha poi spiegato come fosse stato distrutto dagli abitanti che poi lo “saccheggiavano” per rivenderne alcune parti.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!

READ  La storia di Delphine, la principessa che re Alberto non voleva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *