Coprifuoco nello stato della Nigeria dopo le proteste per la morte degli studenti

Da almeno 24 ore è stato imposto il coprifuoco nello stato nigeriano di Sokoto. Il motivo è una manifestazione di centinaia di residenti contro l’arresto di due studenti, che si ritiene siano coinvolti nella morte di un compagno di classe.

Christian Debora Samuele è stato linciato giovedì da una folla di studenti della Shehu Shagari University di Sokoto, per aver fatto commenti blasfemi sull’Islam e sul profeta Maometto in un gruppo WhatsApp.

Il filmato del linciaggio è stato poi diffuso tramite i social media, in cui nella foto erano riconoscibili almeno due autori. Sono stati arrestati venerdì, con grande costernazione di molti compagni musulmani. L’università è stata chiusa e agli studenti è stato chiesto di lasciare il campus.

Le proteste di sabato includevano l’incendio di pneumatici. La polizia ha sparato gas lacrimogeni per contenere i manifestanti.

Condannato da musulmani e cristiani

Circa la metà della popolazione della Nigeria è cristiana, l’altra metà è musulmana. Nello stato di Sokoto, nel nord-ovest, la stragrande maggioranza è musulmana.

L’omicidio di Samuel è stato condannato dai leader spirituali e politici cristiani e musulmani in Nigeria. Il sultano di Sokoto, l’autorevole religioso Muhammad Sa’ad Abubakar, ha chiesto che i colpevoli siano assicurati alla giustizia. Questo era il motivo per cui i militanti stavano manifestando davanti al suo palazzo.

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari, anche lui musulmano, ha espresso preoccupazione per la morte dello studente e vuole un’indagine approfondita e indipendente sugli eventi di Sokoto. “Nessuno dovrebbe farsi giustizia da solo”, ha detto Buhari venerdì. “La violenza non risolverà nessun problema”.

READ  Kazakistan: l'ex leader Nazarbayev sollecita governo - sostegno mondiale

Divieto di manifestazioni

Sabato, i disordini sembravano diffondersi in un altro stato. Nel centro di Kaduna, a circa 500 chilometri di distanza, sono state bandite dalle autorità manifestazioni “relative all’attività religiosa”. Secondo quanto riferito, “certi elementi non patriottici” nello stato avrebbero pianificato di usare la morte di Samuele per la propria protesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.