Coronavirus, l’accusa del re di Svezia: “Nel nostro Paese tanti morti, noi abbiamo fallito. La gente ha sofferto”

“Il 2020 è stato un anno terribile. Penso che abbiamo fallito. Abbiamo avuto molti morti e il popolo svedese ha sofferto enormemente ”. Dopo mesi di dubbi e critiche al Comunità scienziato e di gli operatori sanitario, il re di Svezia Carlo XVI punta direttamente al governo, che accusa di non aver gestito la pandemia. Il Svezia – dove la preclusione non è mai stata introdotta – aveva un tasso di mortalità coronavirus molto più alto dei suoi vicini Scandinavi, che invece ha adottato misure più stringenti. In totale, nel Paese di poco più di 10 milioni di abitanti, si sono registrati 350.000 casi di Covid e 7.800 vittime.

Per il monarca, intervenuto in un’intervista che andrà in onda sul canale svedese SVT il 21 dicembre, Stoccolma non ha protetto il gli anziani, come la commissione istituito dall’esecutivo per far luce sui mesi di crisi sanitaria. “Pensa a tutte le persone che non hanno saputo dire addio ai familiari defunti – ha detto il re – Penso che sia un’esperienza pesante e traumatica non poter dire addio”. ha chiesto se aveva paura di esserlo infetto il 74enne leader ha risposto: “Ultimamente è arrivato il virus approccio, sempre più. Certamente non quello che vorrei ”. Lo scorso mese, figlio del re e sua moglie si sono rivelati positivo.

La crisi sanitaria – Le parole del re arrivano pochi giorni dopo le dichiarazioni del primo ministro Stefan Lofven, che ha accusato i funzionari sanitari svedesi di sottovalutare l’entità della seconda ondata, che ha portato la terapia intensiva nella regione della capitale è crollata, con il 99% dei posti letto occupati. I dati hanno spaventato l’intera capitale svedese che ha chiesto aiuto esterno. Ma anche con l’aumentare del numero di posti letto, rimane il problema di un numero insufficiente di operatori sanitari con le capacità per assistere i pazienti più gravemente ammalati. Con il pandemia c’è stata, infatti, un’ondata di dimissioni di medici e infermieri per stress: una situazione oltre a una carenza prima dell’emergenza coronavirus come ha spiegato a Bloomberg Sineva Ribeiro, presidente dell’Associazione svedese degli operatori sanitari. La situazione è “terribile”, ha detto. Ribeiro in un’intervista telefonica, spiegando che anche prima della pandemia c’era “carenza di infermieri qualificati, anche nei reparti di terapia intensiva”.

Le misure – La strategia anti-pandemia svedese, sviluppata dal capo epidemiologo Anders Tegnell, si basava sul senso di responsabilità della popolazione. Oltre a non aver mai imposto un blocco, il governo si è limitato all’emissione raccomandazioni, senza prevedere sanzioni per chi non le rispetta. I negozi, scuole, bar e ristoranti non hanno mai chiuso, ma la scorsa settimana è stato chiesto di farlo alle scuole superioriInsegnamento a distanza. Un provvedimento che da lunedì è entrato in vigore anche nella regione di Stoccolma. In vista del Natale sono state pubblicate anche nuove linee guida, tra cui evitare incontri con più di 8 persone, incontrarsi all’aperto e, se possibile, evitare di prendere autobus e treni.

READ  L'incredibile nel cielo di Los Angeles: due aerei "colpiscono" un ragazzo con il jetpack - La Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *