Coronavirus, le due nuove varianti inglesi che preoccupano il Regno Unito

LONDRA – Esistono due nuove varianti britanniche del coronavirus che preoccupano scienziati e medici britannici. Finora nessun allarme nazionale è stato lanciato, almeno per il secondo, anche perché l’intero Paese è in totale blocco dal 3 gennaio e potrebbe essere molto probabile fino a Pasqua. Controllare una possibile trasmissione in questo momento è quindi meno complicato, a differenza di paesi come l’Italia. Tuttavia, sollevano principalmente preoccupazioni in termini di vaccini e la loro efficacia rispetto alle varianti esistenti.

Premessa: il Regno Unito continua il 10% dei test anti-Covid che effettua – l’Italia non arriva nemmeno allo 0,5% – e quindi scopre ogni settimana nuove varianti di Sars-Cov-2. Molti di loro sono molto simili a quelli che esistono da molti mesi, quindi agli scienziati non importa. Tuttavia, ci sono due mutazioni che sono recentemente giunte all’attenzione di esperti e scienziati britannici che sembrano essere più gravi della stessa “variante inglese” di Kent, B.1.1.7, che è il ceppo che ora si sta diffondendo anche in L’Italia (come in altri paesi europei) e questo potrebbe presto richiedere un blocco, o una chiusura più o meno severa del paese, come ha deciso sei settimane fa il governo Johnson per il Regno Unito.

L’ultima variante all’attenzione degli scienziati britannici è la cosiddetta B.1.525. Finora sono stati intercettati 38 casi, tra gli altri in varie parti dell’Inghilterra, segno che potrebbe essere più diffuso di quanto si pensi. Non si sa se sia più contagioso o fatale ma una cosa è certa: il ceppo B.1.525 contiene la mutazione E484K, che incarna le maggiori preoccupazioni al momento perché è questa che modifica il picco proteico di Covid (quello del virus che penetra nelle nostre cellule) rendendolo sfuggente per i vari vaccini finora esistenti, come quello di Oxford AstraZeneca, per il quale sarà pronta in autunno una versione aggiornata e specifica proprio alla luce di ciò.

READ  Catanzaro, il fine settimana può dare altre pedine

La mutazione E484K è anche la base di un’altra variante della “variante inglese” B.1.1.7, che finora è stata registrata principalmente tra Bristol e Manchester e che la rende molto simile a ceppi ancora più pericolosi. Come il “brasiliano “e il” sudafricano “. Anche questo potrebbe aggirare più facilmente gli anticorpi dei vaccini esistenti e soprattutto è certo che sia più contagioso delle varianti precedenti (intorno al 60-70%) e probabilmente” più mortale “, sebbene su quest’ultimo non ci sono studi. Il problema della mutazione è ancora più grave durante una campagna di vaccinazioni mostruose, che coinvolge tutti i paesi più colpiti. Per questo motivo, lo scorso gennaio il governo di Boris Johnson, a differenza di altri paesi europei come l’Italia, ha deciso di chiudere tutto nel Paese per mesi: più il virus si diffonde, più si verificano mutazioni, sperando che questo sia l’ultimo, anche se lunghissimo, Bloccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *