Cosa ne pensa l’NRC |  L’Unione Europea non può avere una crisi in Italia adesso

Cosa ne pensa l’NRC | L’Unione Europea non può avere una crisi in Italia adesso

Cosa ne pensa l’NRC |  L’Unione Europea non può avere una crisi in Italia adesso

L’Italia voleva un leader che attuasse le riforme, la cui reputazione ispirasse fiducia sia in patria che nell’eurozona e che potesse superare le turbolenze politiche. E l’Italia aveva questo leader. Il tecnocrate Mario Draghi, che ha collocato altri tecnocrati nei più importanti incarichi ministeriali. Hanno elaborato piani ambiziosi per ridurre la burocrazia, velocizzare l’amministrazione della giustizia e digitalizzare l’Italia. Riforme necessarie per ottenere miliardi di euro dal fondo europeo per il recupero della corona.

Il sostegno che Draghi ha chiesto al parlamento e ricevuto – inizialmente – è stato incoraggiante. Ad eccezione del postfascista Fratelli d’Italia, tutte le parti erano d’accordo. Anche la Lega Nord, scettica verso l’UE, e il critico Movimento Cinque Stelle hanno sostenuto il nuovo governo e fornito ministri, anche se la prima è stata una scelta strategica e la seconda ha borbottato.

Il tempo della campagna rende tutto più fluido. La prospettiva delle elezioni della prossima primavera e la crescente popolarità di Fratelli spinsero la Lega Nord e il Movimento Cinque Stelle a stabilirsi. Gli interessi politici di partito hanno avuto la precedenza sugli interessi nazionali.

Applausi al rifiuto di Draghi di fare concessioni ai singoli partiti, che non avevano migliorato l’efficacia delle riforme. Che questo alla fine abbia portato a una violazione della fiducia e alla fine del governo più efficace d’Italia in un lungo periodo è profondamente deplorevole.

READ  Contro il pass verde, manifestazioni in varie piazze italiane: da Milano a Roma

La domanda è cosa otterrà l’Italia in cambio. In ogni caso, un’estate turbolenta, durante una crisi energetica e inflazionistica e una guerra nella regione. Tre crisi indissolubilmente legate. In ogni caso, il Paese resterà quasi paralizzato fino all’autunno, quando infatti il ​​bilancio per il 2023 dovrebbe essere approvato in tempi brevi.

I sondaggi indicano una coalizione nazionalista di destra di Fratelli, Lega Nord e Forza Italia. La domanda allora è se e come verranno attuate le riforme che l’Unione Europea vuole vedere in cambio dei 205 miliardi di euro del fondo per il recupero del corona. I primi segnali non sono favorevoli: la Lega, ad esempio, era già contraria alla liberalizzazione del settore taxi, Forza alla riforma della giustizia.

La questione è anche se l’unità europea nei confronti della Russia continuerà ad essere garantita. Draghi ha rapidamente ridotto la sua dipendenza dal gas russo. Negli edifici pubblici, ad esempio, l’aria condizionata non deve essere inferiore a 25 gradi. Fino alla guerra in Ucraina, Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, considerava Vladimir Putin un amico e la procura italiana indagava sul finanziamento della Lega Nord russa.

L’impennata del debito italiano resta fonte di preoccupazione. Draghi, ex amministratore delegato della Banca centrale europea, ha conquistato la fiducia degli investitori. Senza di essa, aumenta l’incertezza: giovedì il differenziale tasso italo-tedesco si è subito allargato.

Nessuna ripresa europea senza una forte ripresa italiana; L’economia italiana è ancora la terza più grande dell’eurozona. Con l’aumento dei prezzi dell’energia, l’inflazione e una guerra in Ucraina, l’instabilità in Italia è una crisi che l’Unione Europea non può affrontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *