Decisione olandese di far saltare in aria il pacchetto di stimoli

PHIL NIJHUIS tramite Getty Images

Il primo ministro olandese Mark Rutte fa un gesto mentre telefona durante il dibattito alla Camera dei rappresentanti sui risultati del vertice europeo sul fondo di recupero, all’Aia, il 9 settembre 2020 (foto di Phil Nijhuis / ANP / AFP) / Paesi Bassi FUORI (foto di PHIL NIJHUIS / ANP / AFP via Getty Images)

“Il freno di emergenza non blocca nulla, suona solo come un campanello d’allarme!” Hanno tuonato gli oppositori di Mark Rutte al parlamento olandese mentre il Primo Ministro ha parlato ieri sera del fondo di stimolo. Il capo del governo più frugale d’Europa è sotto attacco per l’accordo di luglio sulla prossima generazione dell’UE, un accordo che fornisce una sorta di “ freno di emergenza ” a disposizione degli stati che desiderano vedere più chiaramente come gli altri stati spenderanno i nuovi. Fondi europei per la crisi covid. L’opposizione lo accusa di non aver imposto il diritto di esercitare un controllo reale su come i paesi membri spenderanno i soldi, a cominciare dall’Italia, il paese più colpito dalla pandemia e destinatario di più Risorsa. È in questo contesto, da tenere presente, che Rutte scatena la sua “arma nucleare” sul fondo di stimolo: “Ripristinare l’Europa senza Ungheria e Polonia”, ha detto. Cosa c’entra questo con qualcosa? Ha molto a che fare con questo.

Fondamentalmente, nella sua ricerca di una via d’uscita dalle sabbie mobili in cui è scivolato approvando il fondo di recupero, Rutte si aggrappa al rispetto dello Stato di diritto, tema da sempre sensibile ai cittadini. Olandese, domanda che lo ha portato in più occasioni. allo scontro diretto con Viktor Orban. Nelle ultime settimane Ungheria e Polonia sono state prese di mira dal Parlamento europeo, che chiede condizionalità più severe sullo Stato di diritto: chi non rispetta i diritti non ha i fondi necessari. Facile. Rutte, infatti, con le sue proteste di ieri sera, rompe una lancia a favore del Parlamento europeo, che ha l’ultima parola sul bilancio entro dicembre.

READ  Zimbabwe per restituire la terra confiscata ai bianchi

Finora nessun altro Stato membro lo ha fatto. Al contrario, nei negoziati in corso tra i negoziatori di Eurochambre e l’attuale presidenza tedesca dell’UE (a nome di tutti gli Stati membri), c’è una fortissima pressione affinché il Parlamento non si sieda. attraverso. “Il rischio è bloccare l’uscita del fondo di stimolo”, ci dice una fonte europea. Perché l’Ungheria e la Polonia non accetteranno mai e poi mai di rinunciare alla loro “applicazione pratica” dello stato di diritto, che consiste in pressioni su magistrati, stampa, sindacati, discriminazione contro le comunità Glbtq . Al contrario, Budapest minaccia di non approvare in Parlamento la parte del pacchetto che richiede i visti agli Stati membri: quella sulla costituzione di risorse proprie (digital tax, carbon tax) per finanziare il debito comune che la Commissione europea dovrà contrarre. raccogliere le risorse del fondo di recupero sul mercato.

Un bel caos, in cui scivola Rutte, leader dell’opposizione “frugale” al fondo di stimolo di luglio. Il premier olandese chiede al Parlamento europeo di esercitare “maggiori pressioni” su Ungheria e Polonia. Oltre al quadro politico che lo inquadra nei Paesi Bassi, va tenuto presente che Rutte è candidata per le politiche del 2021. Il fondo di stimolo potrebbe essere la sua fine, se fallirà nel tentativo di digerirlo. ad un elettorato ostile anche all’idea di contribuire al bilancio dell’UE. Ma, ovviamente, se la temperatura aumenta davvero sullo stato di diritto, il rischio che l’intero pacco scivoli e non si avvia diventa reale. Per l’Olanda, ovviamente, non sarebbe un problema. Per l’Italia sì eccome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *