“Distintivo? C’è protesta e protesta. Il rigore …”

Di La Gazzetta dello Sport, il cartellino rosso estratto dall’arbitro Polpa a Lorenzo Distintivonon è troppoIl quotidiano giudica a 5 la prova arbitrale della sezione di Imperia: “Non il miglior gioco, troppe sviste evidenti e gestione altalenante anche nelle carte. Insomma la lettura del rigore e, di fronte alla beffa, proprio il rosso diretto verso Insigne. Sfidare una decisione è un’altra cosa“.

Getty Images

La Rosea aggiunge: “No, non siamo d’accordo. C’è protesta e protesta. L’insulto non è una protesta e quindi se la diretta rossonera, come confermato in tv Rino Gattuso, è conseguenza di un “Vai a cag ***” di Insignia all’arbitro Massa è più di proporzionato. Detto questo, l’arbitro ligure è tutt’altro che una grande partita. Non fischiare un falletto è una cosa, non fischiare un fallo evidente è un’altra, vedere le mani di Insignia al 25 ‘o il ripetuto, continuo ed evidente trattenimento di Brozovic a Zielinski al 30’. Niente, fischio silenzioso, fari invisibili. Al 70 ′ Darmian anticipa Ospina che viene abbattuta in area: è un rigore, che Massa attribuisce giustamente all’Inter e si scaldano gli animi dei compagni di Insigne, poi la diretta rossa contestata da l’allenatore del Napoli. Poi la partita si innervosisce e l’arbitro a suon di cartellini, ma non è tutto corretto (sembra eccessivo quello di Lozano su Darmian, ad esempio, mentre manca Koulibalu su Hakimi)“.

READ  Cosa ci fa la Cina con una misteriosa navicella spaziale in orbita per tre mesi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.