Donetsk sta lavorando a un referendum, Odessa vuole esportare grano questa settimana |  ADESSO

Donetsk sta lavorando a un referendum, Odessa vuole esportare grano questa settimana | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DNR) terrà presto un referendum sulla volontà popolare di entrare ufficialmente a far parte della Russia. L’Ucraina spera anche che la prima nave per il grano salperà questa settimana.

Secondo documenti consegnati ai giornalisti investigativi ucraini, i separatisti si aspettano che il 70% della popolazione rimanente nella regione orientale di Donetsk scelga di entrare nella Federazione Russa. I residenti di Donetsk potrebbero già richiedere passaporti russi nello stato.

Il separatista DNR, guidato da Denis Pushilin, avrebbe già iniziato i preparativi per il referendum. Ad esempio, vengono istituite commissioni elettorali e si tenta di registrare gli elettori. Il referendum è previsto per l’11 settembre.

Molti ucraini sono fuggiti da Donetsk a causa della guerra. La maggior parte dei separatisti filo-russi e dei russi etnici vive ancora nello stato.

Le armi americane distruggono i depositi di armi russi

L’Ucraina ha distrutto 50 depositi di armi russi con sistemi missilistici HIMARS, ha affermato il ministro della Difesa Oleksii Reznikov. Il ministero della Difesa russo, da parte sua, riferisce che l’esercito russo ha attaccato con successo un deposito di munizioni per armi di precisione americane in Ucraina.

Il deposito di munizioni si trovava nell’Ucraina occidentale, nella regione di Khmelnytsky, secondo il ministero russo. In precedenza, la Russia aveva affermato di aver distrutto diversi sistemi HIMARS forniti dall’Occidente, cosa che il governo di Kiev nega.

I sistemi missilistici avanzati degli Stati Uniti sono altamente accurati e forniscono una portata maggiore rispetto ad altri sistemi di artiglieria.

La prima nave per il grano dovrebbe lasciare il porto questa settimana

L’Ucraina spera che le prime navi che trasportano grano possano lasciare il Paese questa settimana. Un alto funzionario del governo ha detto che il porto di Chornomorsk, vicino a Odessa, è stato preso di mira mercoledì prossimo. Le esportazioni da tutti i porti ucraini dovrebbero poter riprendere entro due settimane.

READ  Sky News: "Johnson perde la riunione di emergenza per la festa d'addio" | All'estero

Venerdì scorso, Ucraina e Russia hanno firmato un accordo con la Turchia e le Nazioni Unite per riprendere le esportazioni di grano attraverso il Mar Nero. Secondo il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kubrakov, il porto di Chornomorsk sarà pronto per dare esecuzione all’accordo entro 24 ore. Secondo Kubrakov, non ci sarebbe “alcun limite” alla quantità di grano esportato.

L’attacco missilistico russo di sabato non influirà sull’accordo sul grano con l’Ucraina, afferma la Russia.

L’Eurovision Song Contest non è certo in Ucraina

L’Eurovision Song Contest 2023 si terrà sicuramente nel Regno Unito. L’emittente britannica BBC e l’emittente ucraina UA:PBC uniscono le forze per lavorare agli spettacoli in programma per maggio.

In precedenza, l’organizzatore European Broadcasting Union (EBU) ha annunciato che era impossibile per l’Ucraina, che ha vinto l’ultima edizione con la Kalush Orchestra, organizzare il Song Contest.

A causa della guerra nel Paese, la sicurezza dei partecipanti e delle delegazioni non può essere garantita. Anche la situazione pericolosa nel Paese ostacolerebbe i preparativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *