dubbio a centrocampo, Felipe falso nove

Dopo un’altra sconfitta in trasferta, questa volta contro il Sassuolo, il Lazio è chiamato a reagire nel compound amichevole dell’Olimpico. Venerdì arriva il Genova di Shevchenko ancora alla ricerca della sua prima vittoria da allenatore nel campionato italiano. Una grande sfida per entrambi che ovviamente hanno obiettivi di classifica diversi. Il Grifone vuole fare punti per uscire al più presto dalle zone pericolose, i biancocelesti devono dimostrare di aver appreso il discorso del presidente Lotito e non possono permettersi di perdere ulteriore terreno nello spazio europeo. Non dovrebbero esserci grosse sorprese nella formazione iniziale Spesso. Confermato Strakosha tra i pali e l’ormai consueta linea difensiva. Rientra in mezzo al campo Milinkovic dopo la squalifica, Cataldi in direzione e uno tra Di base e Luis Alberto A sinistra. Davanti dobbiamo fare i conti con l’assenza di Ciro Immobile. Il capitano non è riuscito a riprendersi in extremis e a rientrare nella lista delle squadre. Nel tridente ci ha provato Sarri Felipe Anderson falso 9 supportato da Meteo a Zaccagni e Pedro.

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Hysaj, Luiz Felipe, Acerbi, Marusic; Milinkovic, Cataldi, Luis Alberto; Pedro, Felipe Anderson, Zaccagni. Disponibili: Reina, Adamonis, Lazzari, Patric, Radu, Leiva, Escalante, Akpa Akpro, Basic, Muriqi, Moro. Tutti: Sarri.

GENOVA (3-5-2): Sirigu; Biraschi, Vasquez, Criscito; Sabelli, Sturaro, Badelj, Hernani, Ghiglione; Pandev, giusto. Tutto. Shevchenko

if (ok == 1) bannerok[zona].push(banner[zona][i]); }

bannerok[zona].sort(function() {return 0.5 - Math.random()}); } banner = bannerok; var banner_url="https://net-storage.tcccdn.com"; var banner_path="/storage/lalaziosiamonoi.it/banner/" function asyncLoad() { if (azione == 'read' && TCCCookieConsent) { var scripts = [ "https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1", ]; (function(array) { for (var i = 0, len = array.length; i < len; i++) { var elem = document.createElement('script'); elem.type="text/javascript"; elem.async = true; elem.src = array[i]; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(elem, s); } })(scripts); } setTCCCookieConsent(); } if (window.addEventListener) window.addEventListener("load", asyncLoad, false); else if (window.attachEvent) window.attachEvent("onload", asyncLoad); else window.onload = asyncLoad; function resizeStickyContainers() { var stickyFill = document.getElementsByClassName('sticky-fill'); for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) stickyFill[i].style.height = null; for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) { var height = stickyFill[i].parentElement.offsetHeight-stickyFill[i].offsetTop; height = Math.max(height, stickyFill[i].offsetHeight); stickyFill[i].style.height = height+'px'; } } document.addEventListener('DOMContentLoaded', resizeStickyContainers, false); // layout_headjs function utf8_decode(e){for(var n="",r=0;r

READ  "I droni della polizia dotati di Taser sono una soluzione alla violenza armata"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.