È morto lattore Carl Weathers: aveva interpretato il pugile Apollo Creed in Rocky. Aveva 76 anni

È morto lattore Carl Weathers: aveva interpretato il pugile Apollo Creed in Rocky. Aveva 76 anni

È con grande tristezza che oggi annunciamo la morte di Carl Weathers, celebre attore statunitense, avvenuta il 1 febbraio nella sua casa di Los Angeles. Weathers, noto al grande pubblico per aver interpretato il pugile Apollo Creed nella saga di Rocky, aveva 76 anni.

Ma la sua carriera non si limita solo a questo iconico personaggio: Weathers ha recitato in numerosi film di successo, tra cui “Predator” accanto ad Arnold Schwarzenegger, e è stato parte integrante della serie televisiva “The Mandalorian”.

La notizia della sua morte è stata confermata dal suo manager Matt Luber, che ha elogiato Weathers come un essere umano eccezionale, capace di lasciare un segno indelebile nel cinema, nella televisione, nelle arti e nello sport. Era amato e rispettato da tutti come un vero e proprio membro della famiglia, sia come fratello, padre, nonno, partner e amico.

Prima di intraprendere la sua carriera di attore, Weathers ha ottenuto successo anche nel football americano, giocando nei ranghi degli Oakland Raiders della NFL. Questo background sportivo gli ha conferito una presenza scenica unica, che lo ha aiutato a distinguersi come attore.

Negli ultimi anni, Weathers è stato celebrato da una nuova generazione di fan grazie al suo ruolo nella serie “The Mandalorian”. Ma la sua passione per l’intrattenimento non si è limitata solamente alla recitazione: Weathers ha anche intrapreso la carriera di regista, dirigendo episodi di successo di serie come “The Mandalorian”, “Law & Order” e “Chicago Med”.

La scomparsa di Carl Weathers rappresenta una enorme perdita per l’industria cinematografica e televisiva, ma il suo talento e la sua personalità carismatica vivranno per sempre attraverso i suoi lavori. Lascia un’eredità che continuerà ad ispirare gli spettatori di tutto il mondo.

READ  Sandra Milo, feretro arrivato alla camera ardente in Campidoglio. Il figlio: «Le ho stretto la mano fino all’ultimo» - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *