Esercito serbo fuori allerta, si allentano le tensioni |  All’estero

Esercito serbo fuori allerta, si allentano le tensioni | All’estero

L’esercito serbo non è più in allerta. Tre giorni fa il governo di Belgrado ha deciso di tenere in stand-by l’esercito a causa delle crescenti tensioni al confine con il Kosovo. Queste tensioni sembrano in qualche modo allentarsi ora che anche i blocchi alle frontiere sono stati smantellati.

A partire dal 10 dicembre, i serbi del Kosovo hanno eretto barricate in segno di insoddisfazione per l’arresto di un ex poliziotto di etnia serba. Martedì, la Serbia ha messo in allerta il suo esercito a causa delle crescenti tensioni.

Mercoledì sera, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha incontrato una delegazione di serbi che vivono in Kosovo. Molti serbi etnici vivono soprattutto nel nord dell’ex provincia serba. Vucic ha chiesto loro di rimuovere le barricate ai posti di frontiera.

Il presidente avrebbe ricevuto garanzie dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea che i manifestanti serbi non sarebbero stati arrestati dalla polizia del Kosovo. Giovedì, Belgrado ha deciso che l’esercito non doveva più essere in massima allerta.

Dalla dichiarazione di indipendenza nel 2008, 101 paesi hanno riconosciuto il Kosovo come stato indipendente. Questo vale per paesi come Stati Uniti e Paesi Bassi. 31 paesi, tra cui Serbia e Russia, non riconoscono il Kosovo come paese indipendente.

Belgrado afferma di voler proteggere la minoranza serba in Kosovo. Ma le autorità kosovare affermano che Serbia e Russia stanno deliberatamente agitando le acque.

Ci sono disordini nella regione di confine da mesi. Ciò è in parte dovuto a una legge che il Kosovo vuole introdurre. Pristina vuole vietare le persone con targhe in auto dalla Serbia. Molti funzionari e agenti di polizia di etnia serba in Kosovo si sono dimessi per protesta.

READ  Covid, vicino ai Giochi, nuovi contagi in Cina ai massimi dal 2020

Dopo che uno di questi agenti è stato arrestato, le proteste si sono intensificate ei manifestanti hanno barricato molte strade ai valichi di frontiera. I manifestanti chiedono il rilascio di Dejan Pantic e mercoledì hanno parzialmente vinto la loro causa. Pantic è ora agli arresti domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *