Europeo di atletica leggera indoor: Italia medaglia d’argento con Tamberi in testa

Inganna il marchigiano con 2.35, ma il bielorusso Nedasekau fa segnare il record personale a 2.37 e conquista una grande finale

Dal nostro inviato Andrea Buongiovanni

& commat; abuongi

Dopo Marcell Jacobs negli anni ’60, Gianmarco Tamberi in asta: Ancona, a Torun, è europeo nella stanza d’argento due anni dopo l’oro di Glasgow 2019. E se sabato sera Marcell ha dominato, Gimbo – capelli colorati di un biondo che ha tendenza al bianco – trova un avversario di alto livello, il bielorusso Maxsim Nedasekau: finisce 2,37 a 2,35. E se vuoi. Per l’azzurro si tratta della quarta medaglia mondiale in carriera – dopo anche le medaglie d’oro del 2016, tra i campionati mondiali indoor di Portland e gli europei outdoor di Amsterdam – a conferma della sua continuità, libera da infortuni. E a meno di cinque mesi dalle Olimpiadi di Tokyo, in ogni caso un bel viatico.

La gara

Tamberi è spettatore a 2.10, 2.15 e 2.19. Quindi è perfetto a 2,23, 2,26 (ce ne sono sette su otto) e 2,29 (su cinque). A questo punto però, con il sorprendente bronzo del belga Thomas Carmoy (2.26), restano due in lizza: lui e Nedasekau, il rivale più atteso e pericoloso, che – per quel che conta – ha sbagliato a 2.23 e uno a 2.29. . In effetti, inizia da zero. A 2.31, sono entrambi immediatamente perfetti. A 2.33 va bene il Maxsim, mentre Tamberi fallisce al primo tentativo di giornata. Ha recuperato subito, ma ora è pericolosamente secondo in classifica. Si sale a 2.35, la miglior prestazione mondiale stagionale (degli azzurri). Il primo non è niente per entrambi e il bielorusso salta anche il secondo test. Gimbo no, Gimbo vola in cielo, Gimbo è perfetto. E balla sulla piattaforma. Nedasekau gioca e sceglie di mantenere l’ultimo tentativo a 2.37. L’ordine di salto lo mette per primo. Corri veloce e bravo: che carattere, questo ragazzo. È un’altalena di emozioni ad altissima quota. È una finitura molto dignitosa. È a Tamberi. Ha torto ed è di nuovo secondo. Ma, nel bel mezzo delle semifinali di 60 ore, ha altre due opzioni. Il primo è sbagliato, il secondo è sbagliato. Sono soldi.

READ  Coppa Italia femminile, la Roma batte 3-1 ai rigori il Milan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *