Gli olandesi russi criticano il divieto di visto: “La gente comune viene punita”

Gli olandesi russi criticano il divieto di visto: “La gente comune viene punita”

“Pensiamo che sia ingiusto che la gente comune venga ora punita mentre gli scagnozzi del Cremlino vengono liberati”. Kristina Petrasova di FreeRussiaNL – l’associazione di lingua russa nei Paesi Bassi – ha appreso con sorpresa che il ministro Hoekstra ha sostenuto il divieto dei visti turistici per i russi. “Gli amici di Putin continuano a festeggiare in Grecia e in Italia, a loro non importerà”.

“Decisione a breve termine”

Hoekstra pensa che questo dovrebbe essere fatto con i ricchi russi affiliati al regime che vengono a spendere soldi qui in PC Hooftstraat. Ma secondo Petrasova sono proprio queste persone ad avere un passaporto europeo o un permesso di soggiorno. “Non hanno nemmeno bisogno di richiedere un visto. Questa è una decisione molto miope ed emotiva che mostra poca conoscenza della reale situazione in Russia”.

“Capisco perfettamente che qualcosa deve cambiare, ma dobbiamo solo vedere chiaramente qual è il problema ora”, afferma Petrasova. “E poi penso che sia molto peggio che la moglie di Peskov (addetto stampa del Cremlino) stia festeggiando ad Atene di questa giovane russa che attacca gli ucraini in Germania e diventa virale. Certo, anche questo è un male, ma è “Troviamo strano che niente è stato fatto per tutti quegli amici di Putin che hanno una seconda nazionalità europea. Perché questi documenti non vengono cancellati?”

Secondo la corrispondente russa Eva Hartog, il discorso sul blocco dei visti è sentito da molti russi come una conferma di ciò che il Cremlino dice loro da anni: l’Europa è contro la Russia. “I russi particolarmente critici affermano che la misura non è necessaria. La chiusura avrà scarso effetto sull’élite russa con i loro passaporti e case europei. Riguarderà principalmente i russi che sono comunque già contrari al Cremlino”.

READ  Russia, portavoce di Navalny: "Sta morendo, è questione di giorni"

Divisione Europea

Finora circa 1 milione di russi si è recato nell’UE quest’anno. In confronto, nel 2019, un totale di 4 milioni di russi hanno ricevuto visti turistici per l’area Schengen. I paesi baltici e in particolare la Finlandia vogliono uno stop completo per i turisti provenienti dalla Russia. Poiché confinano direttamente con la Russia, ricevono anche un numero relativamente elevato di viaggiatori.

Altri paesi come la Germania non vogliono restrizioni così dure. Il cancelliere Scholz sottolinea che le sanzioni europee dovrebbero prendere di mira Putin e gli oligarchi che traggono profitto dalla guerra, non il comune russo. Scholz ha affermato che l’interruzione totale dei visti renderebbe più difficile la fuga dal loro paese per i russi critici. A causa della divisione europea, non c’è una chiusura completa, solo restrizioni.

In pratica, i Paesi Bassi hanno smesso di rilasciare visti turistici ai russi dal 27 aprile, per la ragione pratica che il personale dell’ambasciata olandese a Mosca è stato dichiarato persona non grata e ha lasciato la Russia.

profughi russi

I Paesi Bassi vogliono ancora rilasciare visti ai russi per motivi umanitari. In pratica, questo accade raramente. Il ministero degli Esteri afferma che “diverse dozzine” di russi hanno ricevuto tali visti negli ultimi quattro mesi. Ciò è possibile solo a condizioni molto rigide, se si scopre che il viaggio nei Paesi Bassi è necessario per motivi umanitari. “In pratica, troviamo che è molto difficile ottenere un visto del genere”, afferma Petrasova.

“In realtà è possibile solo se sei perseguitato politicamente o se sei un giornalista o un attivista. E spesso ci vuole molto tempo. Se sei in una situazione pericolosa per la vita, non hai molto tempo .” I russi critici che desiderano lasciare il loro paese spesso lo fanno tramite un visto turistico, che possono ancora richiedere in diversi paesi europei. Se tale visto scade, l’unico modo per rimanere legalmente nei Paesi Bassi è richiedere asilo.

READ  Israele sotto shock: tre attacchi e 11 morti in una settimana

Aumento enorme

Nella prima metà del 2022, 307 russi hanno chiesto asilo nei Paesi Bassi, secondo i dati dell’IND. Questi non sono numeri enormi, ma rappresentano un aumento significativo rispetto agli anni precedenti. “Dall’inizio della guerra in Ucraina, abbiamo ricevuto domande da parte di russi che, ad esempio, stavano visitando le loro famiglie in quel momento e avevano paura di tornare”, spiega Martijn van der Linden del Vluchtelingenwerk.

Secondo Van der Linden, c’è un altro modo per aggirare il divieto di visto. “I russi possono andare in Turchia e poi prenotare, ad esempio, un volo da Istanbul a Belgrado, con un trasferimento ad Amsterdam. Poi vengono quaggiù e chiedono asilo”.

Petrasova consiglia ai russi di non chiedere asilo. “C’è già una crisi di asilo e poi ci sarà ancora più pressione su questo processo. Spesso anche le persone che vengono qui non vogliono asilo. Sono principalmente persone giovani e ben istruite che, ad esempio, hanno un’attività in proprio o lavorano come libero professionista e cerchi temporaneamente sicurezza, e sono proprio queste persone che influenzerai introducendo ora regole più severe sui visti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *