Gli Stati Uniti vogliono tornare all’Unesco, per paura della Cina

Gli Stati Uniti vogliono tornare all’Unesco, per paura della Cina

Gli Stati Uniti vogliono tornare all’Unesco, per paura della Cina
Il direttore dell’Unesco Audrey Azoulay ha annunciato oggi il previsto ritorno degli Stati Uniti

Notizie ONS

Dopo anni di assenza, gli Stati Uniti vogliono tornare all’Unesco. Washington lo sta facendo per paura che l’influenza della Cina diventi troppo grande all’interno dell’Organizzazione del Patrimonio Mondiale, scrive l’agenzia di stampa AP. I problemi tra gli Stati Uniti e l’organizzazione delle Nazioni Unite sembrano essere stati appianati.

L’allora presidente Trump ha deciso di lasciare l’UNESCO nel 2017. Ha accusato l’organizzazione di un atteggiamento anti-israeliano e ha affermato che l’organizzazione era mal gestita. Questi problemi ora sono stati risolti dalle riforme, scrive il ministero degli Esteri in una lettera all’Unesco.

Battaglia competitiva

L’amministrazione Biden considera importante il ritorno alla competizione con la Cina. Oltre alla conservazione del patrimonio culturale e naturale, l’Unesco si concentra anche sull’educazione scientifica e sugli standard tecnologici.

“Quindi, se vogliamo davvero competere con la Cina nell’era digitale, non possiamo più stare via”, ha detto un alto funzionario a marzo. Le due superpotenze sono impegnate da anni in una disputa geopolitica per l’influenza globale.

Centinaia di milioni di dollari

Gli Stati Uniti attualmente stanziano 150 milioni di dollari per il rinnovo dell’iscrizione. Prima della partenza, Washington era il più grande donatore dell’UNESCO. Il paese ha quindi pagato quasi un quarto del budget annuale.

Anche il presidente Biden e il suo eventuale successore dovranno liberare fondi per questo negli anni a venire. Secondo AP, gli Stati Uniti hanno ancora un pagamento in ritardo di $ 619 milioni con l’organizzazione del patrimonio.

Anche gli Stati Uniti si sono dimessi sotto Reagan

I 193 membri, che includono ancora la Palestina, dovrebbero votare il prossimo mese sul possibile ritorno degli Stati Uniti. Non è nemmeno la prima volta. Washington ha anche voltato le spalle all’UNESCO nel 1984 sotto il presidente Reagan. Nel 2003, il paese è stato autorizzato a tornare dopo un voto.

Reagan aveva anche accusato l’UNESCO di cattiva gestione e parzialità politica. A quel tempo, il presidente degli Stati Uniti riteneva che l’organo fosse abusato per promuovere gli interessi dell’Unione Sovietica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *