Gli ucraini sono bloccati a Calais mentre francesi e britannici combattono per un rifugio

Gli ucraini sono bloccati a Calais mentre francesi e britannici combattono per un rifugio

“Sono qui dal 1 marzo”, dice un britannico che fuma una sigaretta fuori dall’ostello della gioventù. Ha lasciato l’Inghilterra per prendere personalmente la moglie ucraina ei loro figli dalla zona di guerra nella sua auto. “Ma quando siamo tornati qui hanno detto: tua moglie e i tuoi figli non hanno un visto. Poi sono andato a sistemare la cosa online, ma non possiamo arrivare all’ambasciata a Parigi fino al 15 marzo. per ritirare il visto. “

È anche un giro in macchina di circa quattro ore, sospira l’uomo. “Siamo solo bloccati qui al momento. E tutto ciò che volevamo era essere a casa al sicuro come una famiglia”.

Anche una donna ucraina racconta una storia simile. “Ho persino un passaporto britannico, ma mia madre e i miei figli no. Ecco perché la British Border Patrol non ci ha lasciato passare. Ora siamo seduti qui in questo hotel ad aspettare i documenti. Quanto tempo ci vorrà? Nessuno ce lo dice”.

Umanità

Le autorità francesi sono scontente del rigore britannico. “Agli inglesi manca l’umanità”, ha detto il ministro dell’Interno Gérald Darmanin. A Parigi è stato aperto un grande centro di accoglienza per gli ucraini e ci sono anche molte persone che sono state espulse da Calais e ora aspettano il visto per entrare nel Regno Unito.

Gli inglesi promisero di guarire. Vengono rilasciati più visti agli ucraini e le procedure dovrebbero essere più veloci. Il primo ministro Boris Johnson ha affermato di voler essere “generoso” nel rilascio dei documenti di viaggio. È prevista anche l’apertura di un centro visti a Lille, nel nord della Francia: più vicino di Parigi, ma comunque a più di 100 chilometri da Calais.

READ  Il nuovo comandante della Russia in Ucraina sembra destinato a crescere

Nella stessa Calais, gli inglesi hanno solo allestito un tavolo, in uno dei terminal portuali, dove i funzionari ora dicono agli ucraini che non possono richiedere un visto lì, ma che devono andare a Parigi. Sono anche diretti all’ostello della gioventù, dove i francesi offrono un letto e cibo.

“Solidarietà con gli altri profughi”

Nel frattempo, l’accoglienza nell’ostello relativamente lussuoso si traduce anche in facce contorte e rabbia. “Dobbiamo essere solidali con gli ucraini, ma anche con i profughi di altri paesi in cui c’è la guerra”, ha scritto il consigliere comunale di sinistra Jean-Philippe Lannoy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *