Google fa causa a Sonos per disaccordo tra vivavoce e assistente vocale | Tecnologia

Per ora, le trattative sui brevetti tra Google e Sonos sono infinite. Google ha citato in giudizio nuovamente la società perché Sonos avrebbe violato sette brevetti di altoparlanti intelligenti e assistenti vocali. Questo scrive Il bordo. La faida tra le due società va avanti ormai da diversi anni.

Google ha intentato due nuove cause contro Sonos lunedì. Secondo il gigante della ricerca, Sonos utilizza una tecnologia inventata e registrata da Google. Lo scopo della causa è bloccare l’importazione di alcuni altoparlanti Sonos negli Stati Uniti.

Sonos violerebbe, tra le altre cose, un brevetto di Google che determina come gli altoparlanti rispondono ai comandi vocali. L’azienda utilizza anche la tecnologia rubata per la ricarica wireless, secondo Google.

Lo dice un portavoce di Google Il bordo che i casi sono stati avviati per “fermare la violazione grave e continua di Sonos dei brevetti di Google”. Sonos deve ancora rispondere.

Le aziende si contendono i brevetti dal 2020. Sonos ha citato in giudizio Google all’epoca per la tecnologia multi-room. Dopo diversi avanti e indietro, Sonos ha capito bene. Di conseguenza, Google ha dovuto modificare una serie di funzionalità dei suoi altoparlanti.

READ  Inzaghi dopo Lazio-Juve: “Rischio di rigori? Sono molto calmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.