Greenville, dopo che il Dixie Fire è passato non c’è altro che cenere

STATI UNITI

09.08.2021 – 23:48

Aggiornamento: 08.10.2021 – 06:34

Un paese raso al suolo dal fuoco: un reportage fotografico mostra il prima e il dopo

“È come una zona di guerra, il mio quartiere non esiste più”, ha detto un residente

GREENVILLE – Pareti carbonizzate, scheletri d’acciaio, fumo e cenere.

Questo è tutto ciò che resta della cittadina di Greenville, in California, come mostra un reportage fotografico di un fotografo dell’agenzia di stampa AFP. Il prima e il dopo di una città praticamente andata in fumo.

“Ero lì, a guardare scioccato un ufficio postale, una caserma dei pompieri, una banca, un museo e innumerevoli attività commerciali cremate e ridotte a un mucchio di macerie fumanti”, ha commentato il fotografo Josh Edelson, colpito dalla distruzione del Dixie Fire, che è diventato il secondo il peggior incendio mai avvenuto in California. Una sensazione terribile: “Animali morti giacevano sul ciglio della strada”.

Edelson ha assistito anche agli sforzi dei vigili del fuoco, che hanno cercato di spegnere le fiamme “sopra di loro”, e che sono riusciti a salvare alcune case, “mentre la maggior parte di esse sono state distrutte”. Lo stesso fotoreporter l’ha vista brutta, finendo in un “corridoio di fiamme” che aveva inghiottito entrambi i lati della strada.

“Un quartiere che non c’è più”
Tami Kugler, una residente di Greenville che è riuscita a fuggire, ha condiviso la sua esperienza: “È stato come uscire da una zona di guerra, come si vede nei film”. “Il mio quartiere non esiste più, sono scomparse le case di tutti coloro che mi stavano a cuore e che amo in questo quartiere”.

READ  "Cado", poi la tragedia

Il governatore della California Gavin Newsom ha visitato e passeggiato tra le rovine di ciò che resta di Greenville, esprimendo il suo “profondo apprezzamento” per i vigili del fuoco e sottolineando il ruolo della crisi climatica: temperature più elevate, ondate di calore e meno precipitazioni sono una combinazione ideale per gli incendi.

Domenica notte, il Dixie Fire ha distrutto quasi 200.000 acri di vegetazione, diventando il secondo incendio più devastante nella storia della California. Inoltre, ha distrutto centinaia di edifici ed evacuato migliaia di residenti della California settentrionale. Secondo le autorità, ci vorranno settimane per placarlo.

AFP