“Ha insultato un ispettore e interrotto un controllo antidoping”: secondo Gasperini rischia la squalifica | Prima pagina

Brutte notizie per Gian Piero Gasperini. L’allenatore dell’Atalanta, infatti, è stato deferito con una richiesta di squalifica di 20 giorni dall’agente antidoping Pierfilippo Laviani. ilAnsa, che chiarisce anche le motivazioni alla base della decisione di Laviani. “Il a insulté un inspecteur lors d’un contrôle surprise et s’est élevé contre l’ensemble du système antidopage, interrompant un test en cours sur un joueur d’Atalanta et obligeant le joueur à aller s’entraîner”, indique-t -egli.

IL FATTO – Il fatto risale al 7 febbraio, quando un ispettore di Nado Italia è arrivato a Zingonia per un controllo antidoping “fuori concorso”, a sorpresa, su quattro giocatori. La prova dell’atleta, terminata grazie alla mediazione del medico sociale, è stata ovviamente negativa, ma il comportamento di Gasperini ha portato la Procura a contestarlo per il reato, offrendo un patteggiamento. In caso di violazione dell’articolo 3 comma 3 del codice antidoping, Gasperini rischia infatti fino a 6 mesi di squalifica. Il tecnico, però, non ha accettato il compromesso e ha chiesto un’udienza prevista per il 10 maggio davanti al tribunale nazionale antidoping presieduto da Adele Rando. Nel caso in cui venisse sanzionato, secondo le regole, non potrebbe avere contatti con i soci per tutta la durata della squalifica e salterebbe le ultime tre partite di campionato e la finale di Coppa Italia.

READ  Milan, arrivederci Paqueta. Parte per il Lione per 20 milioni. Ora c'è il tesoro della difesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *