“Ho pianto come un bambino per 30 minuti! Era depresso perché …”

Julio Chiappetta, responsabile sport del Clarin, racconta la drammatica esperienza dello scoop della morte di Diego Armando Maradona

Ultime calcio Napoli – Julio Chiappetta, responsabile dello sport del quotidiano di riferimento argentino Clarin ha parlato alla radio con Vos 89.9 nel programma DeVueltaConVos per parlare della scomparsa di Diego Armando Maradona.

“È stata una delle esclusive più tristi che ho avuto da offrire nella mia vita. Ho una relazione di 40 anni con Diego, una foto del ’79 all’Aeroparque dove stavo per coprire un tour in cui si esibì. Con Diego eravamo davanti e dietro. Se avessimo un problema ne parleremmo subito, oppure potrei scrivere lo scoop, ho passato mezz’ora a piangere come un bambino senza capire cosa fosse successo. Dalla scorsa settimana Diego era molto depresso perché non era riuscito a riunire i suoi figli perché il suo Diego era tristemente mancato da sua madre, Doña Tota era una fonte di energia per lui. Era rinchiuso in una scatola d’oro, lontano da un campo, lontano dalla palla, mi diceva sempre che l’odore dell’erba su un campo il miglior profumo del mondo. Per me è stato il miglior calciatore di sempre, non dico ora che è morto l’ho sempre sostenuto. Era stanco di essere Diego Maradona a 60 anni, io sono stato fantastico per 15 anni e praticamente non volevo esserlo. Diego non aveva mezze misure, è stato il primo a dire a un papa che con tutto l’oro vaticano poteva finire la fame nel mondo ”.

READ  Martina Trevisan, storia di un talento a cui era sfuggita la vita (di Marco Mazzoni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *