I “criminali wagneriani” stanno tornando dal fronte, ma per quanto tempo?

I “criminali wagneriani” stanno tornando dal fronte, ma per quanto tempo?

RIA FAN

Notizie ONS

  • Paolo Alessandro

    editore straniero

  • Paolo Alessandro

    editore straniero

Sono stati condannati a lunghe pene detentive, ma possono tornare a casa prima ora che il loro tempo al fronte è finito: le reclute che l’organizzazione mercenaria Wagner ha reclutato dalle carceri russe. Negli ultimi sei mesi, più di 40.000 di queste reclute sono state mandate in guerra in Ucraina.

La scorsa settimana, circa 20 sono stati i primi ad essere rilasciati, tra cui un boss della mafia di San Pietroburgo, qualcuno che ha ucciso sua nonna e il capo di una famigerata banda di ladri di gioielli.

Un video sul sito web di Wagner mostra il capo di Wagner Yevgeny Prigozhin che assegna medaglie al gruppo “per il loro coraggio”. “Hai difeso la patria per 180 giorni. Qualunque cosa tu abbia in archivio, la società ti deve rispetto”. E in una mozione, Prigozhin concede alle reclute la grazia, l’amnistia e il rilascio dei precedenti penali.

Il sistema giudiziario danneggiato

La domanda è quali sono le conseguenze sociali ora che i “criminali Wagner” stanno tornando a casa e se esiste una base giuridica per la scarcerazione. Secondo il sociologo russo Asmik Novikova della Public Verdict Foundation, l’uso massiccio di prigionieri durante la guerra mina l’intero sistema giudiziario.

“Non credo che i criminali Wagner liberati rappresentino una minaccia diretta per la società in questo momento”, ha detto Novikova al telefono da Mosca. “Ma con l’attuale illegalità nella società, la criminalità aumenterà inevitabilmente”.

Questi criminali rientrano nella società come eroi:

“Le reclute di Wagner ricevono tutte un documento di grazia firmato dal presidente”, mi ha detto via Skype l’attivista russa per i diritti umani Olga Romanova di Russia Behind Bars dalla sua attuale casa a Berlino. “Secondo il Cremlino, questi documenti possono essere rilasciati solo con decreto presidenziale. Ma non si sa nulla dell’esistenza di tale decreto”.

Romanova ha scoperto che sui siti web dei tribunali pertinenti, i nomi delle reclute Wagner rilasciate sono ancora elencati nel casellario giudiziario. Ciò indica che la magistratura non è formalmente a conoscenza del loro status. “Ufficialmente, possono essere classificati come latitanti”, spiega Romanova.

Crede anche che il rilascio invii un messaggio inquietante alla società: “In Russia puoi rapinare e uccidere liberamente. Quindi devi solo registrarti con Wagner, per il quale continui a uccidere. E torni in eroe di guerra con una medaglia”.

Il rilascio è una trovata pubblicitaria

Romanova è in contatto con i parenti delle reclute rientrate e a loro senza eccezione viene raccontata la stessa storia: sono seduti a casa sul divano come zombie. E hanno tutti un tatuaggio con l’emblema del teschio di Wagner.

La sociologa Novikova, che ha già svolto ricerche sui veterani della guerra cecena, aggiunge: “A casa, nessuno di loro riesce a rimettersi in sesto. Solo quando tornano in una situazione di guerra risorgono.

Questo è anche ciò che accadrà alle reclute wagneriane di ritorno: saranno irrevocabilmente rimandate al fronte. Romanova: “Prigozhin può promettere loro tutto: il contratto di Wagner prevede semplicemente che saranno richiamati dopo 45 giorni”. Non è noto se ciò avvenga effettivamente.

Il loro rilascio dovrebbe essere visto principalmente come una trovata pubblicitaria per attirare nuove reclute nelle carceri, dice Romanova. “Anche le denunce di esecuzioni pubbliche sono arrivate nelle carceri. La paura fa bene lì. Ultimamente non c’è stato quasi nessun record”.

READ  அமெரிக்காவுக்கு எச்சரிக்கை: தென்சீனக் கடலில் ஏவுகணை செலுத்தி சீண்டும் சீனா | China fires missiles into South China Sea

Destinato al macello

A Prigozhin piace presentarsi come un fattore di potere in se stesso che organizza tutto con le proprie mani, al di fuori delle leggi e dei regolamenti esistenti. “Non può farlo senza il consenso del Cremlino e c’è qualcosa in cambio, che continua a fornire uomini per il fronte. Perché alla fine è quello che rappresenta Putin”, dice Romanova. Si aspetta che Prigozhin faccia uscire facilmente 100.000 reclute dalle prigioni.

“Le reclute Wagner a cui è stata concessa l’amnistia sono state fortunate a sopravvivere”, dice. “Ma alla fine non è questa l’intenzione.”

È chiaro che sono destinati al mattatoio, aggiunge Romanova. “L’idea alla base del reclutamento dei prigionieri è che muoiano al fronte per la patria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *