I Paesi Bassi hanno sottoperformato nell’evacuazione degli interpreti e delle guardie afgane |  ADESSO

I Paesi Bassi hanno sottoperformato nell’evacuazione degli interpreti e delle guardie afgane | ADESSO

I Paesi Bassi hanno sottoperformato nell’evacuazione degli afgani rispetto ad altri paesi della NATO come il Canada e gli Stati Uniti. Questo è secondo la ricerca della scienziata olandese Sara de Jong, che lavora all’Università di York, nel Regno Unito. “Il governo olandese ha assunto la sfiducia nei confronti degli afgani”, ha detto De Jong a NU.nl.

Inserito mercoledì rapporto De Jong mette a confronto i diversi modi in cui otto paesi della NATO hanno gestito la crisi dei rifugiati in Afghanistan, dove i talebani hanno inaspettatamente preso il potere nell’agosto 2021. Migliaia di afgani hanno poi tentato di lasciare il paese, il che ha portato a situazioni caotiche all’aeroporto della capitale Kabul. Tra loro c’erano molti afgani che avevano partecipato alla missione della NATO nel Paese o lavorato nelle ambasciate.

Il rapporto mostra che i paesi della NATO non avevano allineato le loro politiche nei confronti degli ex dipendenti afgani. Di conseguenza, gli afgani che hanno affrontato lo stesso rischio sono stati trattati in modo diverso da ciascun paese.

I Paesi Bassi non stanno andando bene rispetto ad altri paesi. Secondo De Jong, le evacuazioni sono iniziate solo in ritardo e solo con interpreti che rispondevano a criteri severi. Per molto tempo, questi artisti e le loro famiglie non sapevano a chi rivolgersi. Dovevano anche dimostrare chi erano, cosa che si è rivelata un enorme ostacolo burocratico per molti, come spesso erano conosciuti da anni al Ministero della Difesa.

La relazione di De Jong segue a prima valutazione dell’Università di Leiden, pubblicato a gennaio. Ciò ha stabilito che i ritmi del governo olandese “non sono stati alti per molto tempo” e che il processo presso il Servizio Immigrazione e Naturalizzazione (IND) “si è un po’ allungato”.

READ  Mones Nazarali di Action News assicurato dalla polizia

A febbraio nominato il gabinetto ha istituito un comitato per indagare sulle caotiche evacuazioni. I risultati saranno presentati alla Camera dei Rappresentanti entro maggio 2023.

I Paesi Bassi hanno messo in piedi un inutile mulino burocratico

Secondo De Jong, la politica olandese è stata caratterizzata fin dall’inizio dalla sfiducia nei confronti dei richiedenti permessi di soggiorno. Secondo lei, nei Paesi Bassi è stato istituito un mulino burocratico inutilmente complesso, in cui l’interprete afghano non era centrale e i dipendenti dell’IND fungevano da “guardiani che a malapena lasciavano passare nessuno”.

L’atteggiamento burocratico delle autorità olandesi nei confronti degli interpreti prima della caduta di Kabul ha reso inutilmente difficili le evacuazioni. “Prima di agosto 2021, era più sicuro, più facile ed economico ottenere un passaporto”, afferma.

De Jong critica anche il fatto che i Paesi Bassi non permettano agli afgani, che hanno spesso lavorato per anni per l’esercito olandese o per il governo olandese, di portare con sé più familiari (come genitori o sorelle non sposate, che spesso vivevano in casa). . Un paese come il Canada ha perseguito una politica molto più ampia al riguardo. Inoltre, paesi come il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Australia concedono immediatamente ai loro ex dipendenti permessi di soggiorno permanente. In questo modo le persone acquisiscono certezze sul proprio futuro, mentre i Paesi Bassi rilasciano inizialmente un permesso di soggiorno di cinque anni.

Uno dei grandi errori commessi dal governo olandese, secondo De Jong, è quello di chiudere la possibilità di fare domanda via e-mail per essere trasferiti in Olanda. La definisce una “reazione di panico” che rende impossibile evacuare gli afgani che hanno spesso lavorato per anni per organizzazioni olandesi o per il governo olandese e sono ancora in Afghanistan.

READ  Il Regno Unito è la prima grande economia europea ad entrare in recessione | Economia

“Permetti agli afgani che non hanno ancora potuto presentarsi”

“Ora sembra che la questione sia sotto controllo. La Camera sta ricevendo tabelle ordinate che mostrano quanti candidati sono già stati trasferiti e quanti sono ancora in Afghanistan”, ha detto De Jong. “Ma è una falsa certezza”.

“In realtà, molti afgani hanno ancora diritto all’evacuazione secondo la mozione originale della deputata D66 Salima Belhaj, ma non possono più dimostrare di voler essere evacuati. Questo errore deve essere corretto e gli ideali occidentali negli anni e ora sono in una crisi posizione difficile”.

De Jong spera anche che i Paesi Bassi accolgano sempre calorosamente gli afgani. Si chiede perché il primo ministro Mark Rutte non abbia mai visitato interpreti e guardie afgane e perché la domanda di borsa di studio di un ex interprete di 31 anni sia stata respinta perché l’età massima per tale borsa di studio è di 30 anni. “Queste persone non hanno lavorato per anni per guidare l’esercito olandese in Afghanistan attraverso situazioni pericolose?”

Designa un paese come il Regno Unito, dove la campagna del governo Un caldo benvenuto iniziato e anche il Ministero della Difesa britannico separa la campagna Una nuova speranzaqualcosa che non è mai iniziato nei Paesi Bassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *