I piani di Putin per l’Ucraina: “Ha già il successore di Zelensky”

I piani di Putin per l’Ucraina: “Ha già il successore di Zelensky”

La domanda è anche se questo scenario sia fattibile. Le grandi città dell’est continuano a resistere. L’esercito russo deve ancora catturare la città di Kharkov, di lingua quasi per metà russa, che è stata attaccata per alcuni giorni. Inoltre, i russi hanno creato molto cattivo sangue con i loro attacchi, dice Deen.

“Laddove in passato molti di lingua russa vivevano nell’Ucraina orientale e si sentivano culturalmente legati alla Russia, questo è chiaramente diminuito dal 2014. C’è anche molta resistenza contro l’invasione qui. E, naturalmente, sganciare bombe su una città è il modo più veloce .” rinunciare a ogni simpatia».

Piano C: prendi quello che puoi ottenere

Se anche il piano B fallisce, Putin vorrà espandere la sua influenza almeno nel sud, collegando la Crimea occupata e il Donbass. C’è molto movimento sul fronte meridionale in questo momento. È qui che l’esercito sta facendo più progressi. Kherson, una città delle dimensioni di Utrecht, fu la prima grande città ad essere presa dall’esercito russo e l’importante città portuale di Mariupol fu oggetto di aspri combattimenti.

Anche in questo scenario la fine della guerra non è in vista. Deen: “Come intende Putin affrontare una popolazione ostile? Se c’è un governo fantoccio a Kiev, o se il Paese è diviso, ci sono buone probabilità che finiscano in una guerriglia prolungata Vogliono ‘ripulire l’intero oriente degli ucraini filo-occidentali? È impossibile, ovviamente”.

Piano D: Compromessi senza perdere la faccia

La guerra può finire al tavolo dei negoziati. Anche se non ci sono ancora segni che lo indichino. La Russia vuole che l’Ucraina sia smilitarizzata e riconosca l’annessione della Crimea. Richieste inaccettabili per l’Occidente. Ma poiché anche una guerra prolungata e impossibile da vincere non è una buona prospettiva per Putin, potrebbe essere costretto a cercare un compromesso reciprocamente accettabile.

READ  il governo studia il coprifuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *