I prezzi elevati dell’energia portano a un aumento dei disordini sociali in Germania, proprio come aveva previsto Putin

I prezzi elevati dell’energia portano a un aumento dei disordini sociali in Germania, proprio come aveva previsto Putin

Nella città costiera di Lubmin, i manifestanti chiedono l'apertura del Nord Stream 2 e l'interruzione delle consegne di armi all'Ucraina alla fine di settembre.  Statuetta Joachim Herrmann / Reuters

Nella città costiera di Lubmin, i manifestanti chiedono l’apertura del Nord Stream 2 e l’interruzione delle consegne di armi all’Ucraina alla fine di settembre.Statuetta Joachim Herrmann / Reuters

Chiedi a Bernd (59) chi è il responsabile della crisi energetica nel suo Paese e dall’ingegnere cade subito un’accusa politico-economica. “Noi stessi”, dice, mentre un pungente vento autunnale infuria sulla città costiera nord-orientale di Lubmin. “Pensateci: fino a poco tempo avevamo prezzi dell’energia fissi e bassi. Ma la Germania sta marciando a fianco degli americani, e quindi ora siamo senza gas russo. Ora la nostra economia è sull’orlo del collasso.

Perché ci sono state così tante proteste anti-governative qui nell’est nelle ultime settimane, mentre nella Germania occidentale sono rimaste praticamente in silenzio? “Semplice”, dice Bernd, che non vuole essere sui giornali con il suo cognome perché ha colleghi americani: “La gente qui ha già vissuto questa, questa miseria economica. E ora sono nuovamente costretti in queste condizioni dal governo di Berlino.

Schwerin, Rostock, Lipsia, Gera, Jena, Altenburg, Magdeburg, Weimar: nelle ultime settimane decine di migliaia di persone sono scese in piazza in molte città della Germania orientale per protestare contro l’energia e le politiche russe del governo. A Lubmin, la città dove è appena fallito il gasdotto Nord Stream, a fine settembre 3.500 persone si sono radunate per manifestare prima dell’apertura del Nord Stream 2, contro le sanzioni contro la Russia, per la normalizzazione dei rapporti con Mosca. “Ho una pensione di 800 euro al mese e la mia bolletta del gas aumenterà a 365 euro”, ha detto un manifestante alla radio regionale NDR. “Dove andrà a finire?”

Il crescente malcontento è motivo di grande preoccupazione per i governi degli stati orientali. All’inizio di questo mese, la Germania ha celebrato il 32° anniversario della riunificazione, l’unificazione della Germania orientale e occidentale nel 1990. Ma mentre il cancelliere Olaf Scholz ha sottolineato in un discorso che la Germania stava facendo tutto il possibile per proteggere l’unità dell’Ucraina, i leader dell’Est Gli Stati federali esprimono le loro preoccupazioni per quella della Germania.

“Molti tedeschi dell’est ricordano ancora molto chiaramente la disoccupazione di massa degli anni ’90”, ha fatto eco al giornale il primo ministro del Brandeburgo Dietmar Woidke (SPD). Posta del Reno il sentimento dell’ingegnere Bernd. “Queste persone hanno paura di perdere tutto ciò che hanno faticosamente costruito negli ultimi tre decenni”.

READ  È morto il vescovo Henryk Hoser, inviato del Papa a Medjugorje

Fame e gelo

Come Sonja Bade (49), tecnico medico, mezzosoprano nel coro della chiesa e dirigente della pensione di Villa Erika, appena fuori dal campo dove migliaia di manifestanti chiedevano la fine delle sanzioni contro la Russia a fine settembre. Mentre sua figlia adolescente suona il pianoforte in soggiorno Sarcasmo di Prokofiev per un notturno di Chopin, Bade versa il caffè in una stanza attigua.

A settembre non c’era – presiedeva il coro della chiesa – ma le sarebbe piaciuto esserci. Simpatizza con gli ucraini, vuole che sia molto chiaro. Già a febbraio Bade, lui stesso in parte dipendente da una sedia a rotelle, ha aiutato un collega paraatleta ucraino a trovare rifugio in una città vicina. Ma la politica di fornitura di armi e sanzioni della Germania nei confronti della Russia, crede, non fa nulla per porre fine alla guerra lì. Tutto ciò che fa è danneggiare la propria economia e la propria società.

“Penso che possiamo ripristinare le relazioni con la Russia”, ha detto Bade. “Se la Germania manderà i politici invece delle armi, così possiamo trovare una soluzione per l’Ucraina al tavolo dei negoziati. Ricevo già cancellazioni per novembre perché le persone non sono sicure se possono ancora permetterselo per allora. E questa regione ha già così poca attività economica: i cantieri stanno chiudendo a causa della globalizzazione, abbiamo poco turismo. Abbiamo bisogno di questo gas russo. Wohl o übelvolontariamente o meno.

Le preoccupazioni economiche di Baden si aggiungono agli anni di crisi della corona. Lo scorso aprile era sull’orlo del fallimento e ha fatto il giornale locale perché minacciava di essere schiacciata tra i mulini della burocrazia finanziaria statale. Le lacrime sono di nuovo nei suoi occhi. “All’inizio correvamo il rischio di morire di fame, e ora rischiamo di congelarci”. Baden ha ancora un prezzo fisso del gas fino a settembre 2023, ma è già consapevole del potenziale aumento di cinque volte che potrebbe seguire, nonostante il governo prometta di affrontare i prezzi del gas. Tre anni di continuo stress esistenziale fanno qualcosa per una persona.

    Sonja Bade:

Sonja Bade: “Credo che possiamo ristabilire i rapporti con la Russia”.Statua Martin Pauer

corona scettica

Il governo tedesco sta facendo tutto il possibile per contrastare i disordini sociali su larga scala, principalmente evitando il malessere economico. All’indomani della distruzione del gasdotto Nord Stream a settembre, il governo ha proposto un enorme piano di sostegno: 200 miliardi di euro per limitare i prezzi del gas fino al 2024.

Ma i programmi di aiuto non risolveranno il conflitto di fondo tra Europa e Russia, dice Bade, e finché continuerà, è solo questione di tempo prima che colpisca la prossima crisi. Inoltre, dice l’ingegnere Bernd: “questi 200 miliardi, lo Stato tedesco deve prenderli in prestito. E dobbiamo rimborsare i prestiti. Con interesse. Soldi delle tasse. Quindi destra o sinistra: alla fine, i cittadini dovranno ancora pagare i prezzi alti della benzina, e quindi la cattiva gestione di Berlino. Non capisco cosa stanno facendo.

I problemi non riguardano solo le bollette energetiche elevate. Le proteste della Germania orientale nelle ultime settimane sono state dirette contro la politica russa, la politica energetica e i prezzi elevati. Ma anche contro la politica del corona, contro “Berlino” in senso lato. In Sassonia, noti estremisti di destra sono riemersi come motori delle proteste. La manifestazione a Lubmin è stata organizzata dal nuovo partito Die Basis, il rappresentante politico degli scettici della corona tedesca. Il candidato per questa manifestazione era un uomo che crede che il governo tedesco dovrebbe essere processato nei “processi di Norimberga 2” per la sua politica sulla corona.

radicali di destra

In vista della Giornata dell’Unità tedesca, Carsten Schneider, il nuovo Incaricato d’affari per l’Est del governo federale, ha pubblicato: una voluminosa relazione sullo stato della democrazia lì. Solo il 39% delle persone nell’est è soddisfatto della democrazia tedesca, 20 punti percentuali in meno rispetto all’ovest. Solo un quarto è soddisfatto del governo. E di recente l’estrema destra AfD, partito con forti elementi filorussi, è emerso per la prima volta ai sondaggi come il più importante nei cinque stati dell’est, con il 27%.

L’AfD sta approfittando anche del crescente malcontento in Occidente. Alle elezioni nel Land della Bassa Sassonia i radicali di destra hanno ottenuto più del 10% dei voti lo scorso fine settimana, ancora molto meno che all’Est ma un raddoppio del 2017. A sinistra a Berlino, l’AfD ha ucciso nientemeno che di diecimila manifestanti sabato per portare la gamba. Hanno chiesto, tra le altre cose, la ripresa delle importazioni di gas dalla Russia e la fine delle sanzioni contro questo Paese.

Le prossime settimane mostreranno se il governo tedesco, ora lanciando un pacchetto di aiuti dopo l’altro, rimetterà il genio nella bottiglia. Lei deve bilanciare. Bruxelles accusa Berlino di versare così tanti soldi nell’economia tedesca da distorcere la concorrenza con gli altri stati membri dell’UE. Nel suo stesso Paese, la destra radicale attira i cittadini arrabbiati con l’accusa che il governo non sta facendo abbastanza, ed è troppo dalla parte di Bruxelles. E Putin ha anche una risorsa con cui può provare a seminare discordia in futuro: l’ultimo gasdotto Nord Stream.

Il Nord Stream 1 e 2 sono costituiti ciascuno da due gasdotti. Tre dei quattro sono esplosi, ma uno dei tubi del Nord Stream 2 è rimasto intatto. È un peccato, perché ogni anno possono attraversarlo quasi 30 miliardi di metri cubi di gas. La Germania sta rapidamente diversificando la sua fornitura di gas. Il Nord Stream 2 non è mai stato messo in servizio e probabilmente la piena capacità del Nord Stream 1 (59 miliardi di metri cubi nel 2021) non sarebbe stata più necessaria. Ma con quest’ultimo suggerimento, la Russia potrebbe riprovare il prossimo anno a minare la politica energetica della Germania: gas a buon mercato per una popolazione le cui proporzioni crescenti si chiedono perché dovrebbero pagare per un conflitto che non è il loro.

Chiedi alla gente di Lubmin e puoi già vedere la tempesta in arrivo per il 2023: sì, quel tubo deve aprirsi e velocemente. Oppure no, dice l’ingegnere Bernd: non è la risposta giusta. “Devono riparare prima gli altri tre, poi tutti e quattro devono essere rimessi in servizio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *