I quaderni di Darwin appaiono in una borsa rosa dopo 22 anni

I quaderni di Darwin appaiono in una borsa rosa dopo 22 anni

Sono stati ritrovati due iconici taccuini appartenenti allo scienziato Charles Darwin, misteriosamente scomparso dall’Università di Cambridge nel 2000. I libretti sono stati lasciati in una borsa rosa da uno sconosciuto nel biblioteca dalla stessa università.

I libretti unici valgono milioni e includono “l’albero dell’evoluzione”, un albero genealogico disegnato che mostra la struttura del regno animale e la discendenza degli organismi viventi.

Darwin era appena tornato dalle Isole Galapagos a bordo della nave Beagle quando la disegnò. “Questi sono alcuni dei documenti più straordinari dell’intera storia della scienza”, ha detto al giornale Jim Secord, professore di storia all’università. BBC

Un anno e mezzo fa, l’università ha fatto a chiamata Sperando di trovare i libri. La bibliotecaria Jessica Gardner ha definito la scomparsa “straziante”. Aveva paura che non avrebbe mai più rivisto i libri, ha detto all’emittente britannica. La scoperta fu un grande sollievo. “Ho pianto”, ha detto. “E piangerò ancora di più perché non abbiamo ancora cavalcato quelle montagne russe emotive”.

messaggio sulla busta

Entrambi i libretti erano nella scatola blu originale, che a sua volta arrivava in una busta rosa. C’era anche una busta marrone nella borsa. Sopra c’era scritto un breve messaggio: “Biblioteca, Buona Pasqua X”. La borsa è stata trovata in una parte pubblica della biblioteca.

READ  Duello TV remoto Trump-Biden - Il mondo ha inizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *