“I sopravvissuti al disastro marittimo hanno dovuto tacere sul ruolo della guardia costiera greca”

“I sopravvissuti al disastro marittimo hanno dovuto tacere sul ruolo della guardia costiera greca”

Una foto scattata dalla Guardia Costiera greca poco prima del disastro della nave

Notizie ONS

Due sopravvissuti al disastro di un barcone di migranti al largo delle coste greche il mese scorso hanno affermato che le autorità greche gli hanno detto di tacere sul ruolo svolto dalla guardia costiera greca.

Hanno anche detto alla BBC che sono stati costretti ad accusare gli egiziani coinvolti nella tratta di esseri umani.

Il disastro

Il 13 giugno il peschereccio libico Adriana, sovraccarico, ha preso acqua a sud-est della penisola greca del Peloponneso. Poi il motore si è rotto e la barca è affondata la notte successiva. 104 persone a bordo potrebbero essere soccorse, 82 persone a bordo sono state confermate morte e circa 500 persone risultano disperse.

La guardia costiera ha detto che la nave aveva rifiutato l’aiuto, ma l’emittente tedesca WDR ha appreso giorni dopo da dieci sopravvissuti che la guardia costiera aveva tentato tre volte di rimorchiare la nave nelle acque italiane.

Channel 4 britannico, che ha anche parlato con un sopravvissuto, ha appreso che la nave si è capovolta poco dopo che la guardia costiera ha legato una corda alla nave. La Guardia Costiera ha confermato quest’ultimo. Ciò sarebbe accaduto per mantenere la stabilità della nave.

Dopo che i sopravvissuti sono sbarcati in Grecia, nove egiziani sono stati accusati di tratta di esseri umani.

Nuove accuse

Due sopravvissuti hanno parlato con la BBC per confermare che la guardia costiera ha tentato di rimorchiare l’Adriana. “Hanno legato una corda sul lato sinistro. Tutti sono andati a destra per bilanciarla. La nave greca si è allontanata rapidamente e la nostra barca si è capovolta”, ha detto uno. Secondo la BBC, ciò è stato confermato negli atti del tribunale da cinque testimoni.

READ  Nuovo IEP, ci sarà una riduzione dell'orario e degli insegnanti di sostegno? Miceli: "Sì, circa 5.000 insegnanti in meno all'anno" [VIDEO]
Sopravvissuti al disastro nella città greca di Kalamata

Una volta a terra, i sopravvissuti dovettero tacere su ciò che avevano visto. “Quando la gente ha detto che la guardia costiera aveva causato il disastro, l’interprete ha dovuto dire all’intervistato di stare zitto”, ha detto l’altro testimone con cui ha parlato la BBC. “Sei sopravvissuto! Stai zitto! Non fare più domande”, avrebbero gridato.

Entrambi sono disposti a giurarlo se ci sarà un giusto processo.

Egiziani

I nove egiziani accusati di tratta di esseri umani rischiano l’ergastolo. “Sono stati imprigionati e falsamente accusati dai greci per coprire il proprio crimine”, ha detto uno dei testimoni.

Le dichiarazioni rilasciate da altri sopravvissuti sul ruolo degli egiziani sarebbero state estorte dalla Guardia Costiera.

La BBC ha anche parlato con un interprete iraniano-britannico che ha già sperimentato qualcosa di simile. Secondo quanto riferito, lo scorso anno i membri dell’equipaggio afghano di una nave di migranti provenienti dalla Turchia hanno subito pressioni dalle autorità greche per accusare i membri dell’equipaggio iraniano di tratta di esseri umani. Agli afgani è stato detto che altrimenti sarebbero stati rimandati dai talebani.

La BBC ha chiesto una risposta alle autorità greche. Non è venuto. Il ministro responsabile della Guardia Costiera ha rifiutato una richiesta di intervista da parte dell’emittente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *