Il capo delle Nazioni Unite vuole che l’esercito russo esca dalla centrale nucleare, il Cremlino rifiuta

SCIMMIA

Notizie ONS

Durante una visita di lavoro in Ucraina, il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres ha esortato la Russia a ritirare tutte le truppe dalla centrale nucleare vicino a Zaporizhzhya. Ma questa richiesta di smilitarizzazione è considerata inaccettabile dal ministero degli Esteri russo.

Nella città di Leopoli, António Guterres ha nuovamente espresso la sua profonda preoccupazione per la situazione della centrale nucleare. Il complesso nucleare di Zaporizhzhya è stato ripetutamente bombardato di recente. Mosca e Kiev si accusano a vicenda di questi bombardamenti di artiglieria. Il Cremlino minaccia di chiudere la centrale nucleare, la più grande d’Europa, con dispiacere del governo ucraino.

Spazio cittadino

“Questo complesso non dovrebbe essere utilizzato per nessuna operazione militare”, ha detto ai giornalisti il ​​capo delle Nazioni Unite a Leopoli. Vuole concludere rapidamente un accordo affinché la centrale di Zaporizhzhya diventi una zona civile “per garantire la sicurezza dell’ambiente”.

Ma le unità dell’esercito russo che controllano la centrale nucleare non se ne vanno ancora. Il ritiro del personale e delle attrezzature militari non farà che rendere il complesso più vulnerabile, ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri russo in risposta alla proposta di Guterres.

“ricatto nucleare”

Secondo il presidente Zelensky, oggi con António Guterres è stata discussa l’opzione di una visita dell’agenzia nucleare internazionale AIEA alla centrale nucleare. All’inizio della giornata, il presidente aveva fatto riferimento al “ricatto nucleare” di Mosca.

Kiev teme inoltre che Mosca collegherà la centrale nucleare alla rete russa. Se la centrale viene riavviata, la Russia può utilizzare l’energia generata stessa, secondo l’Ucraina.

Soluzione diplomatica

Oltre a Guterres, oggi è stato in Ucraina anche il presidente turco Erdogan. Ha parlato con il capo delle Nazioni Unite e il presidente ucraino di una soluzione diplomatica alla guerra. Non sono stati annunciati risultati concreti.

Erdogan ha detto che i colloqui includevano lo scambio di prigionieri. A breve discuterà dell’argomento anche con il presidente russo Putin. Russia e Ucraina si sono già scambiate più volte prigionieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.