Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite vota contro il dibattito sugli uiguri

Reuters

Notizie ONS

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (ONU) ha deciso di non discutere le violazioni dei diritti umani nella provincia cinese dello Xinjiang. Una mozione dei paesi occidentali per inserire questo argomento all’ordine del giorno non ha ottenuto la maggioranza oggi. Oltre alla stessa Cina, Indonesia, Qatar, Cuba ed Emirati Arabi Uniti, tra gli altri, hanno votato contro la discussione della questione.

cinque settimane fa ha concluso l’ONU La Cina ha commesso “gravi violazioni dei diritti umani” contro gli uiguri nello Xinjiang. Secondo i ricercatori, torture e maltrattamenti sono sistematici nei campi di rieducazione dove sono detenuti membri della minoranza musulmana.

Dopo la pubblicazione del rapporto, Stati Uniti e Regno Unito, tra gli altri, hanno chiesto un dibattito sugli uiguri al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite. Sarebbe la prima volta che l’organismo delle Nazioni Unite discuterà della situazione dei diritti umani in Cina.

19 paesi contrari, 17 favorevoli

“Non possiamo ignorare violazioni dei diritti umani così gravi e sistematiche”, ha affermato il mese scorso il diplomatico britannico Simon Manley. “Questo consiglio non dovrebbe e non può tacere”.

Eppure l’organismo delle Nazioni Unite, creato nel 2006 per monitorare il rispetto dei trattati sui diritti umani, ora lo fa. Dei 47 stati membri del Consiglio per i diritti umani, 19 hanno votato contro la discussione sugli abusi dei diritti umani nello Xinjiang, 17 erano favorevoli. I restanti 11 membri si sono astenuti, inclusi Brasile e Ucraina.

Di seguito sono riportati i pro e i contro:

Pechino ha un seggio permanente nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. “È sempre difficile per i paesi votare contro un membro permanente”, ha detto in seguito un diplomatico occidentale all’agenzia di stampa AP. È particolarmente difficile per i paesi che hanno legami economici o politici con la Cina, come il Kazakistan, parlare apertamente, ha riconosciuto.

Dopo l’annuncio dei risultati, la sala di Ginevra dove si riunisce il Consiglio per i diritti umani è stata accolta da un applauso, cosa che raramente accade nelle riunioni dell’organismo delle Nazioni Unite.

Rapporto

L’indagine dell’Onu sugli uiguri, uscita a fine agosto, aveva impiegato tre anni per prepararsi. Il rapporto segue una serie di pubblicazioni di media internazionali e organizzazioni per i diritti umani sul trattamento della minoranza musulmana in Cina.

Pechino, che ha sempre negato le accuse, avrebbe cercato di bloccare la pubblicazione del rapporto.

Il corrispondente cinese Sjoerd den Daas ha viaggiato attraverso lo Xinjiang due anni fa e ha riferito sugli uiguri:

Imprigionati, puniti e sottoposti al lavaggio del cervello: il destino degli uiguri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.