Il Consiglio straordinario della Lega ha deciso: rinviata Genova-Torino

Regola UEFA rispettata: 11 positività in una settimana sono un’eccezione. Ma non ci sarà una seconda chance per il Genoa. La prossima volta, con 13 giocatori a disposizione, dovrà scendere in campo

Alla fine, la decisione è arrivata dopo due giorni di riflessione: Genova-Torino è rinviata. Il Consiglio Straordinario della Lega, sospeso ieri e ripreso oggi all’età di 13 anni, chiamato a decidere le sorti del match tra Genoa e Torino, in programma sabato a 18 anni, ha trovato una soluzione immediata, ma ha anche stabilito il regole per la continuazione della partita. campionato.

Nel futuro

Il Consiglio di Lega ha istituito all’unanimità, in pieno accordo anche con l’Assessore Casasco (presidente della Federazione Medici Sportivi), di adottare per l’intera stagione la formula utilizzata dalla UEFA che prevede che si debba giocare con 13 giocatori disponibili (di cui 1 portiere) calcolati sulla lista dei giocatori con numero di maglia della prima squadra. Quelli che non perdono a tavola. Tuttavia, c’è un’eccezione a questa regola, nel caso in cui più di 10 giocatori infetti si verifichino in un gruppo di squadra in una settimana, un fatto significativo di un’epidemia in corso che potrebbe infettare anche la squadra avversaria. In questa situazione il Club ha il diritto, una sola volta per stagione, di chiedere il rinvio della sua prima partita in calendario.

Ahi Genova

Il Genoa, quindi, non potrà più chiedere un rinvio nel corso della stagione. Se un caso simile si ripete, dovrà giocare o perderà al tavolo. Non si sa ancora quando si riprenderà con il toro. Approvata all’unanimità in consiglio, la norma è già valida senza dover passare per assemblea

READ  Inter, l'arrivo di Vidal cambia ancora una volta i piani di Nainggolan: il Cagliari spinge, l'ultimo | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *