Il Kosovo resta una polveriera, ma forti pressioni sulla Serbia potrebbero portare a un’inversione di tendenza

SCIMMIA

Notizie ONS

  • David Jan Godfroid

    Corrispondente nei Balcani

  • David Jan Godfroid

    Corrispondente nei Balcani

L’annoso conflitto tra Serbia e Kosovo non è ancora definitivamente risolto, ma forti pressioni di Ue e Stati Uniti sul presidente serbo Aleksandar Vucic potrebbero comunque cambiare le cose. Non può farci niente, lo si poteva dedurre dal discorso di Vucic di stasera.

Funzionari dell’UE e degli Stati Uniti si sono recati a Belgrado lo scorso fine settimana, dopo aver visitato il primo ministro kosovaro Kurti nella capitale del Kosovo, Pristina. La pressione era estrema, si è lamentato Vucic nel suo discorso. “Non c’era bastone e carota qui, solo un bastone”, ha detto Vucic nel suo discorso televisivo.

Serbia e Kosovo sono in disaccordo da decenni. Negli anni 1998 e 1999, ciò ha portato a una guerriglia in cui la maggioranza albanese del Kosovo voleva combattere contro la secessione dalla Serbia. L’allora presidente serbo Milosevic ha tentato di reprimere la rivolta con la forza bruta. Non l’ha fatto perché la NATO ha aiutato l’Esercito di liberazione del Kosovo a bombardare obiettivi serbi. Nel giugno 1999, le truppe di Milosevic furono costrette a ritirarsi dal Kosovo. Nel 2008 gli albanesi del Kosovo hanno dichiarato la loro indipendenza.

L’UE non vuole deviazioni dalla sua politica nel cortile di casa. E noi siamo il cortile.

Presidente Vucic della Serbia

La parte occidentale della comunità internazionale ha costantemente cercato di portare le parti al tavolo. Ci sono riusciti, ma i risultati sono stati raramente raggiunti, anche sotto la minaccia che l’integrazione europea fosse possibile solo se le parti raggiungessero accordi tra loro. Di tanto in tanto c’è stato successo in questo senso, ma il giornale è paziente. Gli accordi venivano raramente, se non mai, mantenuti.

Apparentemente, la guerra in Ucraina ha portato a una nuova assertività, soprattutto nell’UE. “La situazione geopolitica è completamente cambiata”, ha detto Vucic. “L’UE non vuole alcuna deviazione dalle sue politiche nel suo cortile. E noi siamo il suo cortile”.

“Livello appropriato di autogoverno”

Lo scorso fine settimana si sono sentite dure minacce, in particolare dall’eurodeputato Miroslav Lajcák. Se Vucic non volesse firmare ci sarebbero gravi conseguenze, ha già detto nella seconda o terza frase del loro colloquio, il presidente serbo ha detto: fermare il processo di integrazione europea, fermare e ritirare gli investimenti nei paesi europei e reintrodurre il visto requisito per i serbi che desiderano visitare l’area Schengen. Insieme, questo porterebbe la Serbia sull’orlo, secondo Vucic, e probabilmente anche oltre.

Ma Vucic non sarebbe Vucic se arrivasse con un messaggio chiaro. Qualcosa del tipo: o firmo o non firmo. E quello che dovrebbe o non dovrebbe firmare è un trattato basato su una proposta franco-tedesca. Le parole “riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo” non vi compaiono, ma questo non cambia molto.

ferita aperta

Inizia ora un momento emozionante per Vucic. Può semplicemente ordinare ai media serbi sotto il suo controllo di scrivere o trasmettere ciò che vuole. Accadrà sicuramente, ma la domanda è quale effetto avrà. Il Kosovo è una ferita aperta per la stragrande maggioranza dei serbi.

Lo stesso Vucic potrebbe essersi perso sotto la forte pressione internazionale, ma non è affatto sicuro di riuscire a convincere la sua gente. Ed è un populista, ci vorrà molto tempo e molta riflessione. Difficile prevedere quale sarà il risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *