Il ragazzo americano (6 anni) che ha sparato a un insegnante non è perseguito |  All’estero

Il ragazzo americano (6 anni) che ha sparato a un insegnante non è perseguito | All’estero

Il bambino di 6 anni che a gennaio ha sparato al suo insegnante in una scuola elementare di Newport News non sarà perseguito. L’insegnante di 25 anni è rimasto ferito alla mano e alla parte superiore del corpo durante la sparatoria. Secondo la polizia, “non ci sono stati incidenti”.

L’avvocato della Virginia State Howard Gwynn ha detto in un’intervista a Notizie BNC che trova “problematico” giudicare un bambino di questa età. La legge non supporta l’accusa e la condanna di un bambino di 6 anni, ha detto Gwynn.

Secondo i legali dell’insegnante, il giorno prima aveva punito il bambino per aver danneggiato il suo telefono. Il ragazzo ha poi portato a scuola la pistola della madre e ha sparato direttamente durante le lezioni. Di conseguenza, è stato arrestato e temporaneamente collocato in un istituto. L’insegnante è stato ricoverato in ospedale per più di una settimana dopo la sparatoria.

Il preside del distretto scolastico della scuola elementare e il vice preside della scuola sono stati licenziati dopo la sparatoria. Altri insegnanti hanno affermato di essersi ripetutamente lamentati del comportamento del ragazzo. Presumibilmente si è comportato in modo aggressivo diverse volte. Inoltre, il giorno della sparatoria, i dipendenti della scuola hanno riferito che il bambino di 6 anni potrebbe aver avuto un’arma. La scuola ha detto che la borsa del bambino è stata controllata, ma non è stata trovata alcuna arma.

Secondo i genitori, il ragazzo è disabile e quindi è sempre stato accompagnato a scuola da uno dei due genitori. Il giorno della sparatoria sarebbe caduto nella prima settimana in cui non erano presenti parenti, secondo una dichiarazione della famiglia.

READ  Covid: 28 gradi in Grecia, folla su spiagge e parchi - Ultima ora

La pistola, acquistata legalmente, era chiusa a chiave e riposta sullo scaffale più alto dell’armadio di sua madre. Secondo il procuratore, OM sta ancora indagando se gli adulti coinvolti, come la madre, possano essere perseguiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *