il terribile piano del governo britannico per fermare gli sbarchi

Primo ministro britannico Boris Johnson avrebbe soluzioni drastiche in mente per i migranti richiedenti asilo: evacuazione in Centri tipo “locanda” costruiti in mare, sulle isole britanniche perse nell’Atlantico. Ma non è tutto, visto che vengono presi in considerazione anche Moldova, Papua Nuova Guinea e Marocco. come i paesi che potrebbero ospitare questi centri per richiedenti asilo.

Ciò è stato rivelato da una fuga di notizie dal Financial Times, secondo il quale il Sottosegretario di Stato agli affari interni Priti Patel avrebbe esaminato la possibilità di creare centri di asilo offshore per migranti lontani dal territorio britannico. La notizia ha ricevuto una forte condanna da parte degli esperti dell’opposizione e dell’asilo, che lo hanno definito “un piano disumano, assolutamente impraticabile e incredibilmente costoso”.

il Custode, che ha consultato i giornali top secret, ha tuttavia rivelato che il Ministero degli Interni non era dietro il piano, ma qualcuno direttamente al 10 di Downing Street. I documenti visti dal quotidiano britannico rivelano che i funzionari del Foreign Office hanno respinto le proposte, ma suggeriscono che il governo sta lavorando a un piano per detenere i migranti all’estero da settimane.

Migranti: svelato il piano di Johnson per i richiedenti asilo

Secondo quanto riferito da FT, il governo ha chiesto ai funzionari di prendere in considerazione la creazione di un centro di immigrazione sull’isola di Ascension, un’isola nell’Oceano Atlantico meridionale che dipende da Sant’Elena e quindi dal territorio britannico con la regina Elisabetta a capo dello stato.

Lo spirito che avrebbe proposto questo piano, tuttavia, non sarebbe nessuno al Ministero dell’Interno, riferisce il Custode, ma Johnson è qualcuno molto vicino a lui.

READ  "Senza il vaccino, abbiamo mesi difficili davanti". In Germania 2.600 positivi, in Russia 9.000

Da anni si parla nei circoli politici conservatori di imitare aspetti del sistema di immigrazione australiano, compreso il famoso sistema a punti filtrare gli immigrati in base alle loro competenze e al livello di istruzione, al fine di ottenere un’immigrazione qualificata.

tuttavia, io un centro offshore è una misura molto più controversa. Nati in Australia nel 2013 nell’ambito di una strategia per ridurre gli arrivi via mare, prevedono il collocamento di chi arriva nel Paese in centri di detenzione situati in Papua Nuova Guinea o nella vicina isola di Nauru.

I centri di immigrazione offshore violano i diritti umani

Il governo australiano sostiene che questa misura ha eliminato il numero di sbarchi illegali, ma l’opinione pubblica internazionale e gruppi per i diritti umani denunciano una situazione gravissima: da queste zone migliaia di testimonianze e storie di abuso e sofferenza, violenza e autolesionismo. Più della metà delle segnalazioni riguarda i bambini che vivono in questi centri, la maggior parte dei quali ha pensieri suicidi.

All’inizio degli anni 2000, David Blunkett, allora ministro degli Interni nel governo Blair, lanciò una serie di proposte per costruire centri di immigrazione offshore lontano dal Regno Unito e dall’Unione Europea. All’epoca furono presi in considerazione paesi come Marocco, Tanzania, Somalia. I piani furono in seguito scartati perché dichiarati “inaccessibili” e insensati, poiché queste aree, invece di fornire un rifugio sicuro a coloro che fuggivano da guerre e persecuzioni, li avrebbero tenuti in contatto con i loro paesi d’origine. .

Colin Yeo, un avvocato specializzato in immigrazione e asilo, ha detto al FT che il governo potrebbe trovarsi in un territorio legale incerto se tentasse di attuare il piano.

READ  Trump vs Biden: lo sprint finale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *