Il TV OLED LG G3 da 77″ con array di micro-lenti ha un prezzo consigliato di 6299 euro – Immagine e suono – Notizie

Su questo hai ragione, ma è giusto fare un paragone con l’era della tecnologia.

CRT ha avuto molto tempo per raggiungere lo stato definitivo, la tecnologia è rimasta quasi sempre la stessa. La prima invenzione CRT risale addirittura al 1897.
Anche se questo ovviamente non è paragonabile ai televisori in bianco e nero che sono entrati nella produzione di massa negli anni ’50.

Il cinescopio a colori in linea è rimasto praticamente invariato da allora. Questo è entrato in produzione di massa nel 1972 e la base dietro la tecnologia è rimasta tale fino alla fine dell’era CRT.

Agli albori dei monitor CRT, questi indossavano terribilmente perché non avevano ancora imparato l’usura del fosforo. Questo problema è stato risolto nel corso degli anni, ma ci è voluto davvero del tempo.

Ora vedi lo stesso problema con gli schermi piatti che utilizzano varie possibilità tecnologiche.
Il CRT ha sofferto di burn-in, che è stato successivamente in gran parte risolto quando è stato sostituito dal LED, che presenta ancora difetti come l’illuminazione.
Questo ora è in parte risolto con i miniled, ma dobbiamo aspettare fino a quando non saranno disponibili veri schermi microled, dove ogni pixel ha la sua fonte di luce.

Nel frattempo, abbiamo avuto anche Plasma, di cui OLED è in realtà il successore tecnico (nonostante le diverse tecniche. Ma entrambi tempi di risposta rapidi e vero nero)

OLED è una tecnica che personalmente mi piace di più al momento, anche se devo ammettere che alcuni schermi mini-LED sono piuttosto belli in termini di immagine.

Se Nanoled riuscirà presto, potrei affrontarlo personalmente. Ma anche lì mi aspetto che sia accessibile e che le prime generazioni sviluppino problemi giovanili.

READ  Atalanta-Roma, cancellata tutta la verità sul gol di Palomino: il caos del VAR e la furia di Gasperini | Prima pagina

Insomma, se anche gli schermi piatti hanno alle spalle 30-50 anni di sviluppo, bisognerà vedere cosa fa la tecnologia in termini di durata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *