“Il vendicativo dittatore Putin ha perso ogni razionalità”

Nonostante l’accumulo di truppe al confine ucraino, l’invasione del mondo da parte della Russia è arrivata all’improvviso. L’obiettivo più ovvio, secondo gli esperti, è sconfiggere l’esercito ucraino e rovesciare il governo.

Le sanzioni, e la loro minaccia, non sono riuscite a far cambiare idea a Putin. Siamo stati ingenui sui piani di Putin? Cosa lo muove e cos’altro fa?

È un punto di svolta nella storia del mondo. La Russia ora è un nemico.

Ivo Daalder, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO

“Non credo che Putin voglia e possa occupare l’intero Paese, non ha le persone per questo”, ha detto Jaap de Hoop Scheffer, ex segretario generale della Nato ed ex ministro degli Esteri. tempo di notizie† Putin vuole un governo a Kiev che lo ascolti completamente, pensa, anche se “non sarà così facile per lui creare lì un club che balli sulla sua melodia”. Il presidente ucraino Zelensky ha molte persone intorno a lui che lo supportano. “

Putin spera di mettere in ginocchio l’Ucraina con attacchi aerei e altre rapide azioni militari, afferma l’esperto di Europa orientale Bob Deen. “Vuole che il paese risponda rapidamente alle sue richieste. Ma abbiamo visto un attivista Zelensky che chiedeva alla gente per il prendere le armi

Questa immagine mostra dove sono avvenuti oggi gli attacchi aerei e altri bombardamenti:

ILLUMINATO

De Hoop Scheffer teme che il conflitto si intensifichi ulteriormente, anche verso i paesi della NATO. “Putin è risentito e vendicativo. Dice che chiunque osi fare qualcosa contro di me dovrà affrontare armi e violenze che il mondo deve ancora vedere. Questa è una minaccia non mascherata di armi nucleari. Preferirei avere a che fare con un dittatore calcolabile piuttosto che con un incalcolabile uno.”

Violenze in corso in Siria

L’Occidente ha giudicato male Putin? Il generale in pensione ed ex comandante della NATO Mart de Kruif la pensa così. “Abbiamo pensato: c’è differenza tra quello che sa fare e quello che fa. Lo spaventeremo. Ma non lo abbiamo spaventato, non ci siamo riusciti”.

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO Ivo Daalder crede che l’Occidente sia stato ingenuo nei confronti della Russia per molto più tempo. “La Russia ha un esercito molto più forte rispetto all’inizio del secolo. Avremmo dovuto avere una risposta più forte quando la Russia ha invaso l’Ucraina nel 2014. Avremmo dovuto aiutare di più gli ucraini”.

Ma Europa e Stati Uniti erano troppo divisi: avrebbero dovuto avvicinarsi alla Russia e mantenere aperto il dialogo, o era necessaria la deterrenza? Daalder: “Alcuni paesi volevano quest’ultimo e con il senno di poi forse avevano ragione”.

“Putin ha una storia di violenza brutale”, continua De Hoop Scheffer. “Ha bombardato ospedali e scuole in Siria. È così che è cresciuto ed è così che sta portando avanti il ​​suo piano”.

Vedi un presidente pazzo Putin che sembra aver perso il contatto con la realtà.

Laurien Crump, Professore Associato di Relazioni Internazionali

Tuttavia, l’ex capo della NATO non pensa che l’Occidente abbia giudicato male i piani della Russia ultimamente. “Gli americani hanno deliberatamente fatto trapelare informazioni per mostrare quanto fosse grave la minaccia. Non si può dire che fossimo ingenui. Speravamo che non accadesse”.

Inoltre, l’Occidente non avrebbe potuto fare molto contro Putin, sottolinea De Hoop Scheffer. “Non andremo in guerra con la Russia a causa di altri paesi in cui Putin vuole avere un’influenza esclusiva”.

Alexander Vindman, un ex membro del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e originario dell’Ucraina, crede che avremmo potuto prendere più seriamente l’Ucraina e la minaccia russa. “Putin ha gradualmente minacciato la sicurezza europea e non ci sono state risposte sufficienti. L’Ucraina deve comunque essere dotata di cannoni antiaerei per rendere difficile ai russi”.

Il risentimento per l’allargamento della NATO

Non solo l’Occidente non ha preso abbastanza sul serio le minacce di Putin, ma anche i suoi desideri, ha affermato Laurien Crump, assistente professore di Storia delle relazioni internazionali. “Putin non vuole che la NATO si sposti più a est. Per i russi, la NATO è ancora l’alleanza creata per tenere fuori i russi”.

Dopo la caduta del muro di Berlino, “la Russia ha ricevuto assicurazioni verbali che la NATO non si sarebbe espansa ulteriormente a est dopo il ritorno della Germania dell’Est”. Il Segretario di Stato americano disse nel 1990 al leader sovietico Mikhail Gorbaciov che la NATO non si sarebbe spostata “di un pollice” a est. Quell’impegno non è mai stato formalmente preso, ma “dal punto di vista della Russia, l’Occidente non ha mantenuto quella promessa”, ha detto Crump. Perché alla fine si unirono tutti i paesi dell’ex blocco orientale alla NATOtranne la Russia stessa.

Ma, sottolinea Crump, “questo non giustifica in alcun modo il suo attacco all’Ucraina”. Daalder dice anche: l’Occidente può aver agito ingenuamente, ma “la guerra non è stata provocata ed è stata completamente una scelta della Russia”.

Il giornalista di Nieuwsuur Gert-Jan Dennekamp viaggia dall’Ucraina orientale Ovest. Lungo la strada, racconta ai cittadini dell’invasione russa:

Quando le truppe russe invadono il tuo paese

Crump: “Questa è una palese invasione della sovranità ucraina. Si vede un presidente impazzito Putin che sembra fuori dal contatto con la realtà”.

De Hoop Scheffer è d’accordo. E qui sta la sua paura. “È completamente imprevedibile. È un grosso rischio”.

Non esclude la possibilità che Putin si stia dirigendo verso i paesi della NATO nell’Europa orientale dopo l’Ucraina. “Non è probabile. Ma è imprevedibile ed è afflitto da risentimento e risentimento. Quindi non si può escludere che crei un problema tra Kaliningrad e la Bielorussia. Questa zona è stata l’ingresso dei paesi baltici sin dall’Europa occidentale. Se così fosse passa, sarebbe motivo di guerra per la NATO”.

Putin cerca la nostra debolezza

Daalder è anche preoccupato che Putin non riguardi solo l’Ucraina. “Temo che la ricerca della debolezza di Putin si estenderà al territorio della Nato”.

“Questo è un punto di svolta nella storia del mondo. La Russia ora è un nemico. Dobbiamo garantire che i piani di Putin falliscano”.

READ  Donald Trump, dodici senatori repubblicani chiedono l'inversione del voto americano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *