Il watchdog nucleare dell’AIEA rimarrà nella centrale nucleare di Zaporizhzhia “per qualche tempo” ORA

Il watchdog nucleare dell’AIEA rimarrà nella centrale nucleare di Zaporizhzhia “per qualche tempo” ORA

Un team di esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) soggiornerà presso la centrale nucleare di Zaporizhzhia dopo la visita di giovedì. Il capo dell’Aiea Rafael Grossi pensa che la delegazione “rimarrà per un po'”, ha detto dopo la prima visita alla centrale nucleare ucraina. “C’è ancora molto lavoro da fare”.

Giovedì l’AIEA ha ispezionato la più grande centrale nucleare d’Europa, che di recente è stata regolarmente presa di mira. La Russia, che ha occupato lo stabilimento, e l’Ucraina si incolpano a vicenda per gli attacchi.

In poche ore, gli esperti hanno ottenuto molte informazioni, ha detto Grossi. “Ho visto le cose più importanti che dovevo vedere e le spiegazioni erano molto chiare”.

Giovedì un dipendente della compagnia nucleare russa Rosatom ha fatto fare ai funzionari dell’AIEA un tour della centrale nucleare, gestita da personale ucraino. “Fanno il loro lavoro in circostanze difficili, con professionalità e dedizione”, ha detto Grossi.

Bombardamento di edifici danneggiati

Gli edifici della centrale nucleare sono stati recentemente danneggiati, ha osservato il capo dell’AIEA. “Non abbiamo le informazioni precise per valutare correttamente questo, ma questo è qualcosa che non può continuare”. Nei prossimi giorni, i suoi dipendenti analizzeranno la situazione in loco in modo più dettagliato.

Poco prima dell’arrivo degli esperti, un reattore è stato automaticamente spento per la seconda volta in dieci giorni dopo che un proiettile ha colpito un generatore di emergenza. A causa di questo bombardamento, manutenzione e riparazione, solo uno dei sei reattori è ancora operativo.

Il direttore Petro Kotin di Energoatom, la compagnia energetica statale ucraina, ha affermato che i tecnici stanno lavorando con tutte le loro forze per riavviare l’impianto in crisi.

READ  notte di caos e accuse contro Orange-Corriere.it

Ci furono anche bombardamenti durante il viaggio alla centrale nucleare. Di conseguenza, il viaggio è stato ritardato. “In alcune occasioni, il fuoco di mitragliatrice pesante e artiglieria ci ha reso molto preoccupati”, ha detto Grossi.

Cinque ispettori rimangono nel complesso, altri nella città di Zaporizhzhia

Grossi ha detto al termine della visita che la delegazione resterà presente per qualche tempo. “Dillo al mondo”, ha detto in un video trasmesso da RIA Novosti. Secondo l’agenzia di stampa statale russa, parte della missione rimarrà fino al 3 settembre.

Energoatom ha detto che cinque ispettori rimangono in servizio nel complesso. Un certo numero di altri si è recato nella vicina città di Zaporizhzhia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *