indiscrezioni inquietanti, come si riduce – Libero Quotidiano

Lorenzo Pastuglia

La delusione per il Mondiale sfuggita all’ultimo giro è talmente grande che Lewis Hamilton ha smesso di seguire tutti gli altri piloti sui social, anche di Formula 1. Il titolo di Sir ricevuto pochi giorni dopo la gara di Abu Dhabi dal principe Carlo non è bastato a rassicurarlo, tanto che né lui né lui Toto Wolff ha partecipato alla cerimonia di premiazione della FIA a Parigi. Per quanto riguarda il silenzio, il team manager austriaco della Mercedes ha detto che non era sorprendente: “Hamilton rimane in silenzio perché non ha paroleWolff ha detto ai media Motorsport-total.com.

Wolff: “Abu Dhabi? Fede nello sport compromessa”
Il sette volte iridato è rimasto deluso dalla decisione di Michael Masi, definita in questi momenti di concitazione come “manipolazione” della gara secondo Hamilton. “È difficile andare avanti quando la tua fede nello sport è compromessaWolff ha aggiunto al sito tedesco, spiegando di essere stato in contatto con Hamilton nei giorni immediatamente successivi alla conclusione del campionato. Tanto che la vigilia di Natale, precisamente mercoledì 15 dicembre, la Mercedes ha festeggiato nella propria sede la conquista del titolo Costruttori, festeggiamenti a cui ovviamente ha partecipato il pilota inglese. Wolff, tuttavia, non ha detto se Lewis avesse un parere finale o un ruolo attivo nella rinuncia alla chiamata da parte del produttore tedesco.

Hamilton, silenzio anche a Natale
Lo stesso Hamilton è rimasto in silenzio anche durante le vacanze di Natale, mentre quasi tutti i piloti hanno caricato foto augurando buone feste ai propri fan, il pilota di Stevenage non ha dato alcun segnale sui social, segno che la delusione è ancora grande. Mais l’ipotesi di recesso è quasi del tutto esclusa: Lewis sarà in pista regolarmente dal Bahrain il 20 marzo, più energico che mai per conquistare l’ottavo Campionato del Mondo che gli consentirebbe di superare Michael Schumacher alla testa dei piloti.

READ  Barcellona e nuovo presidente Laporta: tra scandali e bilanci, il peggior ritorno al passato | Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.