Juve, senza gli obiettivi di CR7 e le lacrime di Chiesa si fa dura | Nuovo

Nelle ultime partite l’attacco è in fase di stallo e la preparazione per la Champions è più complicata che mai

Il “piano B”, quello che poteva prevedere una prossima stagione senza Champions, non era stato previsto né pensato voi, ma le parole di Fabio Paratici prima della partita contro la Fiorentina non sono bastate a togliere lo spettro. Il sorteggio di Firenze ha confermato i limiti di una squadra, i bianconeri, che quest’anno non è mai riuscita a dare continuità ai propri risultati.


Guarda anche
Juventus
Serie A, Fiorentina-Juve 1-1: Morata risponde a Vlahovic

Un limite pericoloso in una fase decisiva della stagione come quella del campionato, con almeno quattro squadre (ma la Lazio non è ancora del tutto fuori dai giochi con una partita da recuperare) in lizza per la Champions League e solo tre posti a disposizione ( uno è già blindato dall’Inter).

Il punto è che è stato l’attacco che ha fallito per un bel po ‘di tempo, non un piccolo problema se vuoi e devi vincere le partite. Negli ultimi cinque, o dal ritorno di Dybala, il Pirlo ha segnato nove gol, ma di questi solo quattro sono i gol dei giocatori di ruolo (2 Morata, 1 CR7 e Dybala). In particolare, le reti di Cristiano Ronaldo e le lacrime di Federico chiesa.


Guarda anche
Juventus, Pirlo: "Il mio lavoro? Le aspettative erano sicuramente diverse ..." Juventus
Juventus, Pirlo: “Il mio lavoro? Le aspettative erano sicuramente diverse …”

Il portoghese non segna da tre partite intervallate da un’assenza contro l’Atalanta. Il suo ultimo gol è quello del recupero con il Napoli. Poi tanti errori e un palpabile nervosismo. Le incertezze sul futuro e l’insoddisfazione generale rendono il suo momento ancora più complicato. Un infortunio, invece, ha impedito all’ex viola di sfidare la sua ex squadra e soprattutto lo ha costretto a guardare la partita contro l’Atalanta. Senza di lui, la Juve perde molto in termini di pericolo offensivo, con l’unico Quadrato o quadrata capace di saltare l’uomo e creare superiorità numerica. Senza contare che spesso gli assist per Ronaldo venivano da Chiesa.

READ  La Juve aspetta Suarez, ma a Barcellona è la resa dei conti. E Milik può sbloccare Dzeko

La speranza di Pirlo è che il figlio d’arte possa già riprendersi dall’Udinese e il capocannoniere di Serie A rompa il digiuno il prima possibile. Altrimenti per il Campioni diventa difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *