La Commissione Europea contro la Polonia

Mercoledì la Commissione Europea ha annunciato l’apertura di una nuova procedura d’infrazione contro la Polonia, membro dell’Unione che negli ultimi anni è diventato sempre meno democratico e sempre più illiberale. La procedura, strumento che sanziona la presunta violazione delle norme europee, riguarda due frasi emanate in luglio e ottobre dalla Corte costituzionale polacca, che stabiliscono in estrema sintesi che la Polonia non sarà più tenuta a riconoscere la supremazia delle leggi europee.

Le procedure di infrazione avviate mercoledì sono solo le ultime di una lunga serie: attualmente sono in corso 193 casi di infrazione contro la Polonia. 21 di questi riguardano la giustizia e lo stato di diritto, e sono aperti da quattro anni.

L’annuncio della Commissione è l’ultima tappa di un contenzioso legale che va avanti da diversi anni. L’Unione Europea e la stragrande maggioranza degli esperti di diritto internazionale ritengono che il governo polacco abbia compromesso l’indipendenza dei tribunali e della giustizia con diverse decisioni: la stessa Corte costituzionale polacca è piena di giudici nominati direttamente dall’esecutivo e ritenuti vicini a Diritto e Giustizia . , il partito di estrema destra al governo dal 2015.

Già a luglio e ottobre le sentenze della Corte costituzionale polacca avevano acceso dibattiti perché di fatto non avevano precedenti: il rispetto delle regole Ue è considerato uno dei pilastri dell’appartenenza all’Unione europea.

Annunciando la decisione di avviare il nuovo procedimento di infrazione, la Commissione ha spiegato che considera le sentenze della Corte costituzionale polacca “in violazione del principio di autonomia, supremazia, effettività e applicazione uniforme delle leggi dell’Unione”. La Commissione ha aggiunto di avere “seri dubbi sull’indipendenza e l’imparzialità della Corte costituzionale polacca”.

READ  Impicca la figlia al balcone per punirla, finisce in tragedia

La procedura di infrazione può includere sanzioni pecuniarie e varie limitazioni, ma è considerata uno strumento inefficace poiché per raggiungerla richiede l’approvazione unanime degli altri 26 Stati membri. In passato, l’Ungheria, altro paese semi-autoritario, aveva indicato che si sarebbe sistematicamente opposto a qualsiasi misura contro la Polonia.

– Leggi anche: L’Europa vuole portare online Polonia e Ungheria

Alcuni parlamentari europei lo chiedono da tempo che la Commissione attivi il nuovo meccanismo, approvato nel 2020, che lega l’erogazione dei fondi europei al rispetto dello stato di diritto: un problema potenzialmente enorme per Paesi come Ungheria e Polonia. La Commissione ha però spiegato che prima di attivarla attenderà una decisione in merito da parte della Corte di giustizia dell’Unione europea, che dovrebbe arrivare nei prossimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *