La Corte Suprema annulla l’azione affermativa nelle università statunitensi

La Corte Suprema annulla l’azione affermativa nelle università statunitensi

Manifestanti pro e contro l'abolizione della discriminazione positiva nelle ammissioni alle università americane, giovedì a Washington.  ImmagineReuter

Manifestanti pro e contro l’abolizione della discriminazione positiva nelle ammissioni alle università americane, giovedì a Washington.ImmagineReuter

La decisione pone fine a decenni di politiche di azione affermativa nelle università americane. Negli anni ’60, l’allora presidente Lyndon B. Johnson chiese a tutte le istituzioni che ricevevano assistenza dal governo di “azione affermativa‘, azione affermativa, per aumentare la diversità.

Successivamente, diverse università hanno introdotto quote etniche, dopodiché la rappresentanza di alcune minoranze nei campus universitari è effettivamente migliorata. Afroamericani, nativi americani e latini in particolare hanno beneficiato del programma.

Ma, come spesso accade con le quote, anche questo è avvenuto a scapito di altri che si sentivano svantaggiati. Diversi studi hanno rilevato che gli studenti bianchi e asiatici dovevano ottenere voti medi più alti per entrare nelle università d’élite rispetto agli studenti neri e latini.

‘Incostituzionale’

Il fatto che l’Università di Harvard includa esplicitamente l’etnia nel processo di ammissione è ingiusto e incostituzionale, secondo ad esempio il collettivo studentesco asiatico-americano “Students for Fair Admissions”, che in seguito ha intentato una causa contro l’università d’élite.

I sei giudici conservatori della più alta corte americana hanno concordato e stabilito che le procedure di ammissione basate sul colore della pelle o sull’etnia erano incostituzionali. “I curricula accademici non dovrebbero mai stereotipare la razza, positivamente o negativamente”, ha affermato il giudice capo John Roberts.

I conservatori hanno reagito con gioia al verdetto. “Non c’è posto per la discriminazione razziale negli Stati Uniti, e sono lieto che la Corte Suprema abbia posto fine a questa grave violazione dei diritti civili e costituzionali”, ha dichiarato l’ex vicepresidente Mike Pence. .

‘Grosso errore’

I tre giudici progressisti – in inferiorità numerica in tribunale dalla presidenza di Trump – hanno votato contro l’abolizione dell’azione affermativa. Il giudice Sonia Sotomayor, primo giudice della Corte Suprema dell’America Latina, ha definito la sentenza “un enorme errore” e ha affermato che limiterebbe le opportunità per le persone in tutto il paese.

Le opinioni sull’azione affermativa sono state profondamente divise per anni, anche tra gli americani progressisti. Perché se la politica avesse portato a una maggiore diversità, avrebbe beneficiato principalmente gli studenti benestanti appartenenti a gruppi minoritari, a scapito degli studenti più poveri di tutti i gruppi di popolazione.

L’analista legale della CNN Laura Coates si aspetta che la decisione causi molti problemi a college e università, ha detto alla rete americana. Perché mentre gli studenti possono ancora scrivere del loro background nei loro saggi di ammissione “attraverso una lente personale”, i comitati di ammissione dovrebbero iniziare a leggerli “daltonici”. “Come funzionerà?”

READ  Il Bianco e il Nero, i Veneziani: "Conte wordio of rien". Finito: "Siamo la dittatura della salute"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *