La Croazia introdurrà l’euro, concordano anche i ministri Ue

La Croazia introdurrà l’euro, concordano anche i ministri Ue

SCIMMIA

Notizie ONS

La Croazia passerà dalla kuna all’euro all’inizio del prossimo anno. I ministri delle finanze europei hanno formalmente concordato che il paese possa aderire all’unione monetaria. La Croazia è quindi il ventesimo Paese ad adottare la moneta unica.

Per inciso, la decisione stava già arrivando; all’inizio di giugno la Banca centrale europea ha autorizzato l’adesione. L’accordo dei ministri delle finanze è stato l’ultimo passo. Hanno dovuto determinare il tasso al quale la Croazia può scambiare la sua kuna con euro. Il tasso di conversione della valuta croata è fissata a 7,53450 per 1 euro.

“Questo è un passo importante in un momento in cui l’aggressione russa contro l’Ucraina continua a scioccare il mondo”, ha affermato il vicepresidente della Commissione europea Dombrovskis dell’adesione. La Croazia è membro dell’Unione Europea dal 2013 e da tempo desidera adottare l’euro. Il ministro delle finanze croato ha accolto con favore la decisione e l’ha definita una “giornata storica” ​​per il suo Paese.

Condizioni finanziarie e legali

Per poter cambiare paese, la Croazia doveva soddisfare una serie di condizioni finanziarie e legali. Questi includevano il livello di inflazione, disavanzo di bilancio e debito nazionale.

È la prima volta dal 2015 che la zona euro si allarga, l’ultimo paese ad avervi aderito è la Lituania. Alla fine, tutti i paesi dell’UE dovranno adottare l’euro, ad eccezione della Danimarca. Nel 2000, i danesi hanno votato contro il passaggio all’euro in un referendum.

READ  Covid Brasile, morti di giovani e intubazioni in aumento: colpa della variante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *